Politica Porto / Via Aurelio Saffi

Intimidazioni in via Saffi, Lepore: "Nella mia giunta ci sarà una delega alla legalità e all’antimafia sociale"

Libera Bologna aveva raccontato la situazione nella zona. Venerdì anche il sindaco Merola con gli attivisti per incontrare cittadini e negozianti

A giugno, Libera Bologna aveva raccontato in un video la situazione di via Saffi, dopo l'arresto dell'imprenditore Cuomo, ai domiciliari per bancarotta fraudolenta, trasferimento fraudolento di valori, atti persecutori, ricettazione e autoriciclaggio.

"Ci siamo stati decine volte nei mesi scorsi e quello che è emerso sempre con forza – raccontano dall'associazione che lotta contro le mafie – è il clima di paura e a volte di omertà che si respira. È un aspetto che ci fa molto riflettere sulla presenza della criminalità a Bologna e che stiamo cercando di far emergere". 

Bancarotta fraudolenta, atti persecutori e ricettazione. Polizia e Finanza arrestano pluri-pregiudicato 62enne

Il 2 settembre, insieme agli attivisti, a incontrare cittadini e negozianti di via saffi anche il sindaco Virginio Merola, Rita Ghedini e Christian Fossi di Cooperare con Libera Terra e Mirto Bassoli e Alessio Festi di Cgil Bologna ed Emilia-Romagna.

"Non è stata solo una camminata per raccontare la situazione della via, ma la prosecuzione di un percorso di impegno, per fare in modo che ci sia un netto cambiamento nella gestione dei locali sequestrati e nel clima che si continua a respirare. Un cambiamento che può arrivare solo se si lavora in rete, se si mettono insieme competenze e conoscenze - si legge nella nota - Come Libera Bologna mesi fa abbiamo preso un impegno: quello di far emergere la situazione di via Saffi e non solo, per dare forza a chi vuole denunciare e raccontare. Continuiamo a farlo, con tutte le attenzioni che servono in una situazione del genere: nelle prossime settimane, dopo aver raccolto voci, racconti, impressioni, usciremo con nuovi materiali. Per fare in modo che l'attenzione non si abbassi più". 

Lepore: "Nella mia giunta una delega dedicata alla legalità e all’antimafia sociale"

“Una situazione che deve richiamare istituzioni e forze dell’ordine alla massima attenzione. Bene fa Libera a monitorare ed accendere i riflettori su quello che accade in via Saffi, bene ha fatto il Sindaco Merola a dare un segnale forte con la sua presenza. Nessuno resterà solo di fronte alle intimidazioni”. Ha dichiarato il candidato sindaco del centrosinistra Matteo Lepore, in merito alla “passeggiata” organizzata da Libera in Via Saffi, alla quale ha preso parte tra gli altri il Sindaco Merola. 
“Quello della legalità sarà un impegno prioritario per noi - spiega Lepore, che aggiunge - nella mia giunta ci sarà una delega specifica dedicata proprio alla legalità e all’antimafia sociale, a partire dalle proposte emerse nella Nuova Fabbrica del programma. Oltre al lavoro prezioso delle forze dell’ordine - continua - sarà necessario intervenire infatti a più livelli, compreso quello amministrativo, sopratutto sul fronte della prevenzione. Le organizzazioni criminali proliferano sulle aree grigie, per questo sarà importante lavorare anche sulla formazione all’interno dell’amministrazione comunale sulle modalità di presenza e azione delle mafie nel nostro territorio. Sara? fondamentale il confronto con Questura, Prefettura, e le tante associazioni come Libera, che svolgono quotidianamente una attività meritoria e indispensabile”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intimidazioni in via Saffi, Lepore: "Nella mia giunta ci sarà una delega alla legalità e all’antimafia sociale"

BolognaToday è in caricamento