menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ipotesi Priolo alla mobilità, Lega e 5 Stelle: "Ennesimo gioco di equilibri interni al PD'

Irene Priolo non può fare il sindaco di Calderara di Reno ed essere contemporaneamente assessore alla Mobilità del Comune di Bologna: Borgonzoni e Bugani si scagliano contro l'idea di Merola

L'ipotesi Irene Priolo assessore alla mobilità non piace a Lega Nord e al Movimento 5 Stelle: per Lucia Borgonzoni e Massimo Bugani infatti, la Priolo, che è anche il sindaco di Calderara di Reno non sarebbe certo la persona giusta per ricoprire questo ruolo, visto che è anche sindaco di Calderara di Reno. 

E il Movimento 5 Stelle attacca Virginio Merola: "Merola pochi giorni fa diceva che lui non poteva farlo perchè è troppo impegnativo essere sindaco e contemporaneamente assessore di un tema così complesso come la mobilità", ricorda il capogruppo dei Cinque stelle in Comune, Massimo Bugani. Priolo, che è anche sindaco di Calderara, "invece evidentemente è Wonder woman e non ha lo stesso problema", rileva Bugani.

"L'arroganza con cui un inetto senza carisma come Merola ha iniziato questo mandato è imbarazzante". Conclude l'esponente M5s: "Milioni di euro spesi in comunicazione per tenere in piedi e far parlare un burattino politicamente nullo. Mi dispiace molto per Bologna".

Anche la consigliera della Lega Nord Lucia Borgonzoni dice la sua sulla nomina della Priolo: "Come è facilmente immaginabile, la nomina della Priolo ad Assessore alla Mobilità è solo l'ennesimo giochino di equilibri interni al PD di cui i bolognesi saranno vittime. Per quanto uno possa essere 'venduto' per bravo, è ovvio che non potrà svolgere a pieno due ruoli impegnativi come quelli di Sindaco del Comune di Calderara - non certo un piccolo comune - e quello di Assessore alla Mobilità del Comune di Bologna".

"Se davvero Merola decidesse di procedere alla nomina della Priolo ad Assessore, quest'ultima sino al 9 di ottobre ricoprirebbe ben tre incarichi - continua la Borgonzoni - I piccoli interessi di bottega e giochi di potere delle correnti cuperiliane, bersaniane, prodiane e renziane che già lottano in vista delle Regionali e delle prossime Comunali, saremo noi a scontarli, con un assessore part-time. In questa "particolare partita" abbiamo un Sindaco che ambisce - così vuole il suo strapagato portavoce - a un ruolo nazionale; un assessore, Lepore, futuro candidato in pectore che non vuole essere scalzato da qualcuno con "supporter" di maggiore peso; "nuovi" aspiranti al dopo Merola, come la famiglia De Maria, insomma vecchie sedie da spartire in un partito in frantumi". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento