Domenica, 13 Giugno 2021
Politica

Sorpresa del piano acustico, stop alle 24 per locali fuori mura: "Beffati i virtuosi"

Ieri l'approvazione del nuovo piano acustico, ma i gestori che non hanno mai infranto le regole sbottano: "Non disturbiamo nessuno, musica fino all'una. A rischio i dipendenti"

I decibel dividono ancora, e questa volta Piazza Verdi non c'entra nulla. E' il leghista Manes Bernardini a farsi portavoce dei gestori dei locali "virtuosi" fuori dal centro che ieri hanno ricevuto una bella sorpresa: il documento infatti limitava le attività "nelle aree private di pertinenza dei pubblici esercizi" alle ore 22, prolungate poi (nel corso della stessa giornata di approvazione delibera) alle 24.

BERNADINI: "NESSUNO HA AVUTO LA FORZA DI OPPORSI ALL'ASSESSORE". E' stato Manes Bernardini a ricevere le prime opposizioni da parte di alcuni gestori di locali fra cui La Lumiera (sui colli) e il Caffè Atlantico (ex Piazza Azzarita ora in zona industriale a Santa Viola): "Sono tutti consapevoli, a partire dal sindaco, della scelta scellerata dell'Assessore Gabellini - commenta il consigliere del Carroccio - ma nessuno ha avuto la forza di contrastarla. Molti locali avevano già ricevuto l'autorizzazione perchè al di fuori ".

PER I LOCALI AUTORIZZATI UNA BEFFA E UN DANNO NOTEVOLE. La questione sta nel fatto che molti di questi locali si trovano in mezzo ai campi o in zone industriali in cui non esistono unità residenziali: "Nel 2010 ho ottenuto l'autorizzazione di Comune e Arpa - spiega Massimiliano Baldazzi, uno dei titolari del Caffè Atlantico in zona Santa Viola - per poter avere musica di accompagnamento alle serate fino all'una e oggi, quando il mio calendario estivo è programmato da tempo, vengo a sapere dello stop alle 22 con prolungamento poi alle 24. Per i non addetti un'ora non fa la differenza, ma per un imprenditore che sceglie una tipologia di locale come la nostra, a quell'ora ci si gioca molto. Non dimentichiamoci che ho anche riqualificato una zona industriale che prima di noi era buia e deserta, quindi insucura e covo di microcriminalità".

LA LUMIERA: A RISCHIO L'ATTIVITA'. Anche Gabriele Lollini, della Lumiera di via Sabbiuno, sta cercando di capire come risolvere la situazione, visto che per loro il rischio è addirittura la chiusura dell'intera attività.  "Io sono una risorsa per Bologna, ho riqualificato una zona di bivacco e di buio con il mio lavoro: oggi ci sono luci accese e gente - continua Baldazzi - Nessuna lamentela, nessun residente infastidito dalle mia attività. E così rischiano anche i miei 15 dipendenti. Se l'amministrazione non ci viene incontro ricorreremo al Tar".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sorpresa del piano acustico, stop alle 24 per locali fuori mura: "Beffati i virtuosi"

BolognaToday è in caricamento