rotate-mobile
Politica Centro Storico / Piazza Maggiore

'Insieme Bologna', Bernardini lancia la sfida 2016: 'Sono stanco di essere in minoranza'

Punta su decoro e sicurezza l'ex leghista Manes Bernardini per sfidare ancora il centro-sinistra alle amministrative 2016 con l'associazione 'Insieme Bologna' presentata in Sala Farnese in un incontro bi-partisan: 'Oggi Bologna non ha un sindaco!"

Un incontro organizzato da tempo in collaborazione con "Riprendiamoci Bologna", la pagina Facebook fondata circa un anno fa per raccogliere le segnalazioni di degrado da parte dei cittadini. Manes Bernardini ha convocato ieri sera a Palazzo D'Accursio, in Sala Farnese, il sindaco di Verona Flavio Tosi, il sindaco PD Stefano Sermenghi e il fondatore della pagina Luca D'Oristano, moderatrice la consigliera e vice-presidente del Consiglio Comunale Francesca Scarano. Un confronto tra amministratori "di successo" che è stata anche occasione per lanciare "Insieme Bologna", l'associazione con la quale Bernardini lancia la sfida delle amministrative del 2016.

"Sono stanco di essere in minoranza, voglio vincere - confessa l'ex leghista - mettendo da parte gli intrighi di bottega" e punta sul decoro e sulla sicurezza in una città, dove "manca il controllo del territorio". Arrivare alle elezioni con un programma costruito insieme ai bolognesi "e questa sala è la dimostrazione che c'è ancora voglia di lottare e reagire per avere una città che diventi accattivante anche per il turismo e gli investimenti" come avrebbero dimostrato Joe Tacopina e Joey Saputo, nuovi dirigenti del Bologna Calcio, che "con tutto il rispetto hanno capito le opportunità che la città offre".

Applausi quando Bernardini dichiara ad alta voce che "Bologna non ha un sindaco" pur riconoscendo la simpatia dell'attuale primo cittadino, lo considera "ostaggio della Frascaroli di Sel (l'assessore al welfare - ndr), basta Merola è stata un'esperienza traumatica, domani gli farò vedere la foto di questa sala". (Guarda il video)

Dalla community di "Riprendiamoci Bologna" un video, proiettato in sala, reso possibile dai cittadini e dalle loro denunce di degrado: "Bologna non mi soddisfa più, mi ha dato l'infanzia, non mi da dando la maturità" ha detto D'Oristano, amministratore della pagina Facebook, seguita da oltre 13mila persone con circa 180.000 visualizzazioni e commenti "il merito è tutto vostro". (Guarda il video)

Ha ribadito la stima per Manes Bernardini il sindaco di Verona Flavio Tosi, che è rimasto nella Lega Nord: "la prima città più sicura per i turisti è Matera, la seconda è Verona poichè l'insicurezza disincentiva il turismo. Un amministratore ha l'obbligo di garantire una città sicura, pulita e decorosa". Più controlli per tutti, lotta ai "vu cumprà", assunzione di agenti di polizia municipale, corretta assegnazione degli alloggi popolari, regole di legalità nei campi rom e accesso regolamentato nei dormitori. Queste le ricette messe in campo dal sindaco della città scaligera. (Guarda il video)

"Sono in imbarazzo", così ha esordito il sindaco PD di Castenaso Stefano Sermenghi, rieletto al secondo mandato con il 77%, dopo essersi confrontato alle primarie: "Non perchè sono contrario a quanto è stato detto, ma perchè mi è sembrato di essere nella mia campagna elettorale. Mi sono presentato con la lista 'Prima Castenaso', sono un fiero rappresentante del mio partito che si sta rinnovando. Purtroppo il video di Riprendiamoci Bologna ci fa capire la percezione dell'insicurezza che si vive a Bologna". (Guarda il video)

'Insieme Bologna': incontro bi-partisan su degrado e sicurezza

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Insieme Bologna', Bernardini lancia la sfida 2016: 'Sono stanco di essere in minoranza'

BolognaToday è in caricamento