Giovedì, 24 Giugno 2021
Politica

Comunisti contro la manifestazione di FN: "Il 18 maggio il loro intento è dividere"

Forza Nuova ha annunciato un presidio al Maggiore contro i Rom: la Federazione bolognese dei Comunisti Italiani: "Chiediamo alle Istituzioni che la manifestazione non si svolga"

Il Partito dei Comunisti Italiani Federazione di Bologna commenta la manifestazione indetta da Forza Nuova per il 18 maggio 2013: "Abbiamo appreso che Forza Nuova ha indetto una manifestazione - il commento nella nota stampa -  Questa volta l’obiettivo sono i Rom. Ancora una volta l’intento è quello di dividere le classi popolari tra sfruttati e poverissimi: mentre l’Italia è massacrata dalla crisi capitalistica e si vede sottrarre 50 Miliardi di Euro all’anno dal Fiscal Compact e dall’austerità europea, Forza Nuova cerca di distrarre la rabbia popolare verso obiettivi che non disturbino il grande capitale e i padroni di ogni nazione".

IN RISPOSTA SI VA TUTTI ALLA MANIFESTAZIONE FIOM. "Non dobbiamo dimenticarci - proseguono i Comunisti di Bologna - che questi movimenti fanno riferimento a un’ideologia che, oltre ad avere portato morte e distruzione in tutto il continente, ha imposto una dittatura del capitale che, nel nome di un presunto interesse nazionale, ha permesso di sfruttare e impoverire operai e mezzadri, oltre ad aver fatto una spietata e omicida politica imperialista e colonialista in Africa. Forse sperano che la rabbia per la crisi economica e l’austerità li avvantaggi. Ma così non sarà. La migliore e più forte risposta sarà la partecipazione in massa, da ogni parte d’Italia, alla manifestazione indetta dalla Fiom lo stesso giorno.  E se pensano che la partecipazione dei comunisti e di tanti lavoratori alla manifestazione di Roma apra loro degli spazi sbagliano di grosso".

EVITARE CHE LA MANIFESTAZIONE AVVENGA. "Il Partito dei Comunisti Italiani chiede alle Istituzioni di Bologna, Città Medaglia d’Oro della Resistenza, di non permettere che questa manifestazione si svolga. Il Pdci invita tutte le forze democratiche e progressiste, i partiti, i sindacati e le associazioni a indire un presidio di Resistenza e di Memoria nella giornata del 18 Maggio.

"Nel sito di Forza Nuova si può leggere - proseguono ancora i Comunisti - che “Forza Nuova sarà presente a scadenze regolari sul territorio, con l'obiettivo di creare un deterrente e l'allontanamento fisico di Rom e abusivi”. Ci chiediamo cosa intendano con “allontanamento fisico”, anche se è facile immaginarne la risposta. Anche alla luce di queste inquietanti frasi, il Partito dei Comunisti Italiani invita il Parlamento e il Governo a valutare la compatibilità di Forza Nuova con i dettami e lo spirito della Costituzione Repubblicana, nata dalla Resistenza e scritta da tanti Partigiani. Come comunisti ne chiediamo inascoltati lo scioglimento da oltre un decennio. I fatti degli ultimi tempi confermano la nostra azione e ne evidenziano l’urgenza in questo periodo di crisi economica".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comunisti contro la manifestazione di FN: "Il 18 maggio il loro intento è dividere"

BolognaToday è in caricamento