Politica

Vicesindaco sulla Manovra: “In prima linea per cambiare il provvedimento”

Silvia Giannini ha spiegato in una conferenza stampa gli effetti della manovra del Governo sulla città, 120 milioni di euro in meno per la città: "Alleanze con gli altri sindaci"

Fra tagli ai trasferimenti statali e maggiori vincoli previsti dal patto di stabilità, l'impatto complessivo nel biennio 2011-2012 delle manovre del Governo sui conti del Comune di Bologna è di circa 120 milioni di euro, cioé più o meno un quinto del bilancio annuale dell'ente, che verrà meno se il testo del decreto di Ferragosto verrà approvato così com'é.

GLI EFFETTI. Silvia Giannini, vicesindaco con delega al Bilancio, ha fatto il punto sugli effetti della manovra: “Prima ancora di pensare a quali potranno essere le contromisure da prendere - ha spiegato - il nostro obiettivo primario è far cambiare questo provvedimento insostenibile. Siamo in prima linea con i sindaci italiani, con cui faremo fronte comune".

INCERTEZZA. Anche perché, continua: "Siamo in una condizione di tale incertezza che è impossibile pensare ad un bilancio di previsione". Con questi presupposti, se anche il Comune decidesse di tagliare drasticamente i servizi, di aumentare il prelievo, di dismettere il patrimonio immobiliare e vendere le proprie quote nelle partecipate o di rinviare il pagamento dei fornitori, "non sarebbe sufficiente".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicesindaco sulla Manovra: “In prima linea per cambiare il provvedimento”
BolognaToday è in caricamento