rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Politica

Presunte molestie, Richetti: "Mi sta tagliando la carne, mi sento impotente"

Il senatore di Azione è stato accusato da una donna. La replica: "E' grave per le mie figlie, per la mia famiglia, per i miei genitori"

S tratterebbe di una vicenda "tutta inventata". "Mi sta tagliando la carne addosso, mi sento impotente, ma andiamo avanti a testa alta". Così Matteo Richetti, senatore e presidente di Azione, accusato di presunte molestie, come riporta Fanpage. La stessa donna è stata denunciata per stalking da Richetti ormai un anno fa e le sue accuse sono state smentite ieri sera anche dal leader del Terzo Polo, Carlo Calenda.

"Non abbiamo proprio la benevolenza dell'informazione - ha detto Richetti questa mattina a Parma nel corso di un'iniziativa elettorale - a volte c'è un racconto un po' distorto. Ne sto vivendo uno che mi sta tagliando la carne addosso".

"E' successo a me, ma non è grave questo - ha il senatore - è grave per le mie figlie, per la mia famiglia, per i miei genitori a cui ho parlato. Io mi sono trovato un servizio in cui una persona, in maniera anonima, diceva di aver subito molestie e ha supportato quella cosa portando uno scambio di messaggi. Quello scambio di messaggi è costruito in maniera artefatta: io non li ho mai pensati, scritti e inviati. E non è la versione di Richetti, questa cosa è riscontrabile in un minuto sul telefono". 

"Il problema - sostiene - è quando il giornalismo in Italia arriva a prendere questa cosa e a non verificare neanche per un secondo se corrisponde alla realtà. Ci sono decine di migliaia di persone che dicono: 'Richetti, non ti vergogni di aver scritto queste cose'. No, perchè non le ho mai fatte - risponde il candidato di Azione - e di fronte a quel racconto anonimo, io sono qui, ci metto la faccia e ho denunciato da un anno una persona che sta perseguitando me, i miei figli e mi dà del pedofilo. C'è un'indagine aperta e io non ho mai fatto conferenze stampa perchè queste cose si affrontano nei tribunali, non nelle redazioni. Possibile che di fronte a queste accuse non verifichi?".

"Ho passato la vita a combattere le molestie"

Sarebbero, per il senatore, "accuse più gravi che esistano. Ho passato la vita a combattere le molestie e le violenze sulle donne, perchè è una cosa schifosa, e mi sento impotente di fronte a una costruzione tutta inventata. Ma cosa devo fare? Denunciare? L'ho già fatto. Chi prendo per la giacca?". Secondo il senatore di Azione, "il problema non è Matteo Richetti, passerà. Una volta ho provato a candidarmi in Regione, e anche lì è scappata. Fa lo stesso". Ma "la politica ha il limite del rapporto con la realtà- afferma- l'informazione ha il grande limite del riscontro della verità. Cosa informi se non riscontri cosa è accaduto? Diventi complice di una cosa enorme, che non è solo la diffamazione ma è la distruzione delle persone".

Per questo, sostiene Richetti, "qui serve una risposta che non è solo di una forza politica". Questi fatti, sottolinea il senatore, sono noti da un anno a seguito della sua denuncia per stalking nei confronti della donna che lo accusa, ma la vicenda emerge adesso perchè "mancano pochi giorni alle elezioni- osserva- e io sono molto dispiaciuto se questa cosa non produrrà la forza strepitosa che abbiamo messo in campo. Io però sono convinto che non solo non servirà a nulla, ma ci rafforzerà. Andiamo avanti a testa alta, non solo per quello che diciamo ma soprattutto per quello che siamo", conclude Richetti. (Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presunte molestie, Richetti: "Mi sta tagliando la carne, mi sento impotente"

BolognaToday è in caricamento