Martedì, 28 Settembre 2021
Politica

Nuovo ospedale Porretta Terme, "Chiusura reparti? Non è così..."

Il consigliere Venturi fa il punto: “Serve cambiare l'attuale situazione, migliorarla e renderla più efficiente senza tagli lineari”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

In queste settimane a Porretta Terme e nei Comuni dell'alta valle del Reno - scrive Giovanni Venturi Consigliere Provinciale FDS - sta prendendo piede un dibattito a mio parere fuori luogo e privo di fondatezza, sicuramente alimentato da qualcuno che ha un interesse specifico che non combacia con quello della pubblica cittadinanza. In rete, sui quotidiani, qualcuno sostiene che molto probabilmente verranno chiusi i reparti del nuovo ospedale di Porretta:  ginecologia-ostetricia e chirurgia, verrà mantenuto solo la lungodegenza.
In qualità di membro della 5^ Commissione Provinciale che si occupa di sanità, dalle informazioni che ho in possesso ad oggi posso affermare con sicurezza che tutto questo non corrisponde al vero.
La Regione ha avviato un percorso di spending review a livello regionale sugli ospedali, un percorso con la Conferenza socio sanitaria, amministratori, distretti sanitari, sindacati. Questo percorso ordinato terminerà verso la fine di novembre 2012, solo allora avremo il quadro chiaro e definito riguardo a possibili risparmi e ottimizzazioni negli ospedali. Mi trovo d'accordo  con le  recenti dichiarazioni dell'Assessore Provinciale alla Sanità Giuliano Barigazzi in merito alla spending avviata anche nella nostra provincia: “serve cambiare l'attuale situazione, migliorarla e renderla più efficiente senza adottare tagli lineari, salvaguardare il nuovo ospedale di Porretta Terme”.
Lancio un appello a chi oggi sostiene cose che non corrispondono alla verità: alimentare eventi o scenari catastrofisti non aiutano a difendere i servizi primari in montagna, anzi li mettono a rischio. Per quanto mi riguarda farò la mia parte affinché l'ospedale nuovo di Porretta possa continuare ad essere un fiore all'occhiello per l'intera montagna, convinto di continuare a vedere  i Sindaci del territorio e l'Assessore Provinciale alla Sanità, vicino alle esigenze dei cittadini della montagna.





 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo ospedale Porretta Terme, "Chiusura reparti? Non è così..."

BolognaToday è in caricamento