rotate-mobile
Martedì, 6 Dicembre 2022
Politica

Palazzo Albergati, il collettivo CUA: "Autoriduciamo la mostra"

Partiranno, annunciano sui social, da via Oberdan 16 per poi arrivare in corteo davanti alla sede della mostra

Partiranno, annunciano sui social, giovedì 17 novembre alle 15:30 da via Oberdan 16 per poi arrivare in corteo davanti a Palazzo Albergati, dove si tiene la mostra "Jago, Banksy, TvBoy e altre storie controcorrente". Scopo l'autoriduzione per "andare a godere assieme di una mostra di carattere internazionale. Vivere la città vuol dire case, biblioteche, mostre, concerti e qualsiasi altro spazio di vita abbattendo qualsiasi barriera economica" scrive il collettivo CUA sui social "Palazzo Albergati ospiterà questo giovedì una mostra, chiamata letteralmente 'Controcorrente', con alcune delle opere più anticonformiste del nostro tempo, con autori quali Jago, Banksy e Tvboy. L’ennesimo tentativo di assorbire la controcultura e il dissenso incastrandolo in quella stessa rete che gli artisti in questione cercano di tagliare, offrendo uno sguardo sul presente che permetta di immaginare, tramite l’arte, un mondo diverso.
Così facendo ogni istanza di lotta contro questo modello di mondo viene richiusa negli schemi preesistenti e di conseguenza viene ammansita, con il preciso scopo di impedire qualsiasi sguardo sul presente che sia fuori dagli immaginari che vengono proposti". 

Intanto, alcune opere di street art di uno degli artisti in mostra, TVBoy, sono state rimosse in città: prima su tutte quella raffigurante la presidente del Consiglio dopo il decreto anti-rave, e altre due dedicate a Raffaella Carrà e a Lucio Dalla: "Bologna, città storicamente di sinistra e amante della vita notturna underground, mi era sembrata lo scenario perfetto per la mia nuova installazione urbana ma, evidentemente, mi sbagliavo", ha commentato TVBoy. . 

Dopo il corteo di venerdì scorso e le polemiche a raffica per aver esposto - a testa in giù - sotto le due torri un fantoccio raffigurante Giorgia Meloni, i collettivi hanno annunciato contestazioni per l'arrivo della premier in città, il 24 novembre, che parteciperà all'inaugurazione del super computer Leonardo, al Tecnopolo. Attesi anche il presdidente della Repubblica, Segio Mattarella, e la presidente della Commissione Europea, Ursula Van der Layen. 

Oggi, a margine di una conferenza stampa, il sindaco di Bologna, Matteo Lepore, ha invitato ad "abbassare la tensione" anche se non ravvisa "allarmi diversi da un'ordinaria gestione". 

Arte e provocazione: perché non bisogna perdersi la mostra "Controcorrente"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzo Albergati, il collettivo CUA: "Autoriduciamo la mostra"

BolognaToday è in caricamento