Mercoledì, 17 Luglio 2024
Politica

Pass invalidi, Nanni: 'Mi autosospendo da Idv per correttezza "

Fli incalza: "Misure severe per chi amministra la cosa pubblica e commette abusi". Nanni promette: "impegno a rivedere la mia posizione istituzionale, a fine verifiche"

Il consigliere provinciale, Paolo Nanni, si è autosospeso dall'Idv. La decisione del dipietrista arriva a poco più di 24 ore dallo scandalo che l'ha coinvolto per il presunto utilizzo del pass invalidi della suocera defunta da tempo. Inoltre, la donna, sarebbe stata intestataria di un permesso di cui in realtà non avrebbe usufruito, almeno negli ultimi anni di vita, dal momento nei suoi ultimi 10 anni ha vissuto presso una casa di riposo fuori città, a Pian di Venola.

AUTOSOSPENSIONE, PARLA NANNI. La bufera non è tardata a scoppiare, via social network, da parte di cittadini e associazioni disabili che ne hanno invocato le dimissioni. Condanna dura per Nanni, che ha così comunicato, attraverso una nota:"Per una forma di rispetto nei confronti della mia citta' e dei cittadini diversamente abili che si sono sentiti danneggiati dalla vicenda che mi ha visto protagonista, oltre che per correttezza nei confronti del partito, mi autosospendo immediatamente dall'Italia dei valori, in attesa di chiarire al piu' presto la mia posizione in merito all'utilizzo del pass per l'accesso alla Ztl di Bologna".

"Resta l'impegno - continua Nanni - di rivedere la mia posizione istituzionale, quando saranno completate le dovute verifiche. E' mia intenzione avere pieno rispetto per l'istituzione che rappresento e per la funzione pubblica che i cittadini mi hanno delegato a rappresentare con il loro voto".

DIMISSIONI. Tra i j-accuse via facebook arriva pure una richiesta di dimissioni 'ufficiale' da parte di Fli, che fuori dai denti asserisce:"il caso del pass di Nanni è gravissimo deve dimettersi immediatamente. Quali i sui valori? E' molto più grave del caso dei calciatori. Servono misure severe per chi amministra la cosa pubblica e commette abusi".

Sulla questione interviene senza sconti il finiano Daniele Baldini ( Resp. Regionale Sicurezza e Difesa FLI ) che definisce il caso grottesco e con l'aggravante che il fatto che sia stato commesso da un amministratore della cosa pubblica. Come può  Nanni - sottolinea Baldini - dichiarare di non sapere che doveva restuirlo....ma stiamo scherzando? se così è... cosa di cui dubito, sarebbe meglio sostenere un esame di diritto e norme locali prima di candidarsi a cariche pubbliche. Comunque - conclude il finiano - le scuse non bastano per il diritto che ha negato a parcheggiare ad invalidi veri e l'unica soluzione che ritengo giusta sono le dimissioni immediate da un incarico pubblico. La cosa che mi piacerebbe anche sapere, visto il partito di appartenenza, sono i valori in cui il consigliere crede".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pass invalidi, Nanni: 'Mi autosospendo da Idv per correttezza "
BolognaToday è in caricamento