rotate-mobile
Martedì, 6 Dicembre 2022

Congresso Pd, Bonaccini si candida a segretario nel luogo dove iniziò a fare politica

Da mesi si parla di una sua discesa in campo. Le ultime riserve sciolte dopo l'annuncio di Letta sulle date delle primarie

"Ho deciso di candidarmi alla segreteria del Partito democratico. È il momento di esserci, di impegnarsi, di partecipare. E di farlo insieme. Per il PD. Per il Paese".

Così il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini annuncia la sua candidatura alle primarie del Partito democratico che decideranno il prossimo segretario, dopo l'assemblea costituente. I tempi sono stati dati da Enrico Letta in persona all'ultima segreteria di partito, con l'assise di partito in programma per il 19 febbraio 2023. E proprio a partire dall’annuncio a della data che il governatore emiliano deve avere sciolto anche le ultime riserve, ultimo tra i tanti che in queste settimane hanno mostrato di fare passi avanti.

L'annuncio Bonaccini lo ha di fatto anticipato già ieri, via social. "Per chiunque voglia bene al Pd è il momento di impegnarsi e dare il proprio contributo". Per Bonaccini l’auto-investitura -dichiarata nella Campogalliano dove ha iniziato la sua carriera politica- sarà l'ultima di una serie che provengono proprio dall'Emilia-Romagna, storicamente lontana dagli scranni più alti del partito, ma che questa volta ha più chances di spuntarla. Già candidate di fatto ci sono Elly Schlein -che però deve tesserarsi, non essendo formalmente del Pd- e la ex ministra Paola De Micheli.

Sebbene il suo profilo dal punto di vista politico sia tra i più moderati in circolazione, la candidatura di Bonaccini è stata accolta con freddezza dalla cerchia dei capi corrente, che non hanno visto di buon occhio la insistente richiesta di anticipazione dei tempi congressuali, anticipazione richiesta anche dai cosiddetti autoconvocati, che indirettamente hanno dato fiato a chi dentro al partito vorrebbe arrivare a un segretario in tempi brevi. Il governatore porta in dote una regione ben amministrata e un disegno aggregante, che vorrebbe ricucire sia con il M5S che con il Terzo Polo, che fa piantare milioni di alberi ma che dà il via libera a opere come il Passante di Bologna e il rigassificatore a Ravenna, regista del patto per il lavoro e per il clima ma anche tra gli alfieri dell'autonomia differenziata delle regioni dallo stato.

Chi è Stefano Bonaccini

Stefano Bonaccini è nato il 1 gennaio del 1967 a Modena. Sposato con Sandra e padre di due figlie, Maria Vittoria e Virginia, Bonaccini è stato eletto segretario del Pd dell’Emilia-Romagna con le elezioni primarie del 25 ottobre 2009 ma è in politica dalla fine degli anni '80.

Ha iniziato a fare politica a Campogalliano, comune del modenese, dove nel '90 viene nominato assessore allo sport. Nei primi Duemila il salto a Modena, sempre in assessorato ai lavori pubblici. Nel 2009 diventa consigliere regionale e anche segretario regionale del 2009.

E' proprio qualche anno più tardi che diventa giocoforza il candidato alla regione, dopo che Vasco Errani si era dimesso in seguito al alla condanna in una inchiesta che riguardava la coop del fratello, inchiesta poi finita con la piena assoluzione per Errani stesso qualche anno più tardi. Alle elezioni del 2014, con una bassissima affluenza Bonaccini la spuntò sul leghista Alan Fabbri. Nel gennaio 2020, proprio quando la pandemia stava decollando, Bonaccini ricandidato è stato confermato per altri cinque anni battendo la leghista Lucia Borgonzoni.

Bonaccini: "Seguitemi in diretta", cresce attesa per la sua candidatura al congresso Pd

Congresso Pd, Elly Schlein fa il passo e si candida alla segreteria: "Il campo progressista non si crea da solo"

Congresso Pd, Paola De Micheli al Passepartout per la corsa alla segreteria

Congresso PD, Santori si iscrive: "Ricambio delle leadership, Shlein persona capace"

Congresso Pd, Bonaccini scalpita: "Anticiparlo? Credo che si possa accelerare"

Congresso Pd, ci sono anche gli autoconvocati: "Perché aspettare cinque mesi?"

Video popolari

Congresso Pd, Bonaccini si candida a segretario nel luogo dove iniziò a fare politica

BolognaToday è in caricamento