rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Politica

Przemysl: Salvini contestato anche da due fotografi emiliani

Ad esprimere il dissenso al parlamentare leghista sono arrivati anche alcuni italiani

Il leader del Carroccio non ha avuto l'accoglienza sperata dal sindaco Przemysl, cittadina polacca a una decina di chilometri dal confine con l'Ucraina, anzi. Al suo arrivo Matteo Salvini è stato contestato dal primo cittadino,  Wojciech Bakun, che ha sì ringraziato l'Italia, ma poi ha mostrato la maglietta con il volto di Putin dicendo senza mezze misure: "Io non la ricevo, venga con me al confine a condannarlo".

Come riferisce IlPiacenza, ad esprimere il dissenso al parlamentare leghista sono arrivati anche alcuni italiani, tra i quali due fotografi emiliani di Piacenza, Marco Salami e Sergio Ferri, sul posto per portare aiuti, e che sono stati ripresi mentre contestano apertamente Salvini. 

"Qualche italiano preferisce la guerra, mi spiace per lui. Io sono qua per la pace e condanno la guerra, condanno le bombe - ha detto Salvini ai cronisti presenti che gli chiedevano una condanna nei confronti di Putin - Certo, ovvio. Condanniamo la guerra, chiunque condanna la guerra e l'aggressione tranne qualche italiano che è qua a parlare di guerra" e poi ha lasciato la conferenza stampa. 

Bakun ha parlato con la stampa, spiegando le motivazioni del suo gesto: "Stamattina ho scoperto che il signor Salvini avrebbe visitato Przemysl. L'ho ritenuto un gesto molto insolente da parte sua, così ho deciso di regalargli la maglietta con l'immagine del suo amico Putin, invitandolo a visitare un centro profughi in cui ci sono migliaia di vittime di questa guerra".

In fuga dalle bombe, le testimonianze

A San Lazzaro i primi 12 profughi ucraini accolti a scuola | VIDEO 

Nella Chiesa ucraina con le volontarie: "Cuore e anima nella mia terra bombardata" | VIDEO

I primi profughi ucraini arrivati a San Lazzaro  - VIDEO 

Il sindaco di Crevalcore al confine dell'Ucraina per riunire una famiglia: "Neve e gelo, stiamo tornando"

"Olena non mangiava e non dormiva": al lavoro le organizzano il viaggio in Ucraina per salvare figlia e nipotini 

Mamma Nadia, papà Paolo e i loro nove figli in salvo a Loiano: la loro casa sbriciolata sotto le bombe 

A 18 anni, in fuga dalla guerra e in lotta contro la laucemia: sarà curato in Emilia

Olga in fuga da Kiev con la figlioletta: "Scappati di fretta, senza green pass, un'odissea" 

Profughi ucraini arrivati a San Lazzaro: "Ho guidato per 35 ore con mia madre e miei tre figli"|VIDEO

Bimba in adozione, poi la fuga (appena in tempo) dalla guerra verso Bologna 

Dall'Ucraina a Bologna: "Fuga nella notte. 15 km di coda al confine. Racconto e mi sembra tutto surreale" 

Guerra, comunità Ucraina in piazza: "Angosciati, abbiamo lì figli e genitori"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Przemysl: Salvini contestato anche da due fotografi emiliani

BolognaToday è in caricamento