Referendum taglio parlamentari 20 e 21 settembre: cosa c'è da sapere

Rinnovo tessere elettorali, bolognesi all'estero, disabili, infermi e positivi al covid. Tutte le info

Il Consiglio dei Ministri ha fissato le nuove date del referendum popolare confermativo relativo all’approvazione del testo della legge costituzionale recante “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”: 20 e 21 settembre 2020.

I seggi rimarranno aperti domenica 20 settembre dalle 7 alle 23 e lunedì 21 settembre dalle 7 alle 15.

Hanno diritto di voto i cittadini italiani iscritti nelle liste elettorali del Comune di Bologna che avranno compiuto il 18° anno di età entro il 20 settembre 2020.

Possono votare al di fuori del Comune di Bologna (esclusivamente se in possesso della propria tessera elettorale):

  • i militari (e categorie assimilate)
  • i ricoverati in ospedali o case di cura
  • detenuti ancora in possesso del diritto di voto
  • i naviganti
  • Cambio di abitazione o spostamento della sede di votazione

La domanda sulla scheda 

“Approvate il testo della Legge Costituzionale concernente “Modifiche degli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari” approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – Serie generale – n. 240 del 12 ottobre 2019?”

Cosa prevede la riforma

Alla Camera si passerebbe da 630 a 400 e al Senato da 315 a 200, ossia un parlamentare ogni 151mila abitanti, contro gli attuali 96mila. In caso di vittoria del sì, calerebbero anche gli eletti all'estero, da 12 a 8 e i senatori da 6 a 4. La riforma prevede anche il numero massimo di 5 dei senatori a vita nominati dai presidenti della Repubblica. 

Voto dei bolognesi temporaneamente all'estero 

Gli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all'estero per un periodo di almeno tre mesi, potranno esercitare il diritto di voto per corrispondenza: domanda entro il 19 agosto
Referendum costituzionale 2020: modalità di voto
Quando si vota, chi può votare e i documenti necessari per esercitare il diritto di voto per il il Referendum costituzionale.
Referendum 2020: casi particolari nell'esercizio del diritto di voto
Tutte le informazioni sul voto domiciliare, sul voto assistito, i diritti di voto dei cittadini disabili e dei ricoverati in ospedale o in casa di cura.
Referendum 2020: sale e spazi per la propaganda elettorale
Durante il periodo di campagna elettorale si può richiedere l'utilizzo di spazi per comizi, distribuzione di materiale propagandistico e sale per dibattiti e iniziative politiche.

Referendum 2020: voto degli Italiani temporaneamente all'estero
In occasione del Referendum costituzionale del 20 e 21 settembre 2020 gli elettori italiani temporaneamente all'estero per un periodo di almeno tre mesi, per motivi di lavoro, studio o cure mediche nonché i familiari con loro conviventi, potranno esercitare il diritto di voto per corrispondenza, ricevendo il plico elettorale contenente la scheda per il voto all’indirizzo di temporanea dimora all’estero.

Come fare domanda: è necessario inviare entro il 19 agosto una domanda indirizzata al Sindaco del Comune di iscrizione nelle liste elettorali. La domanda, una volta presentata, può essere annullata entro lo stesso termine.
Il modulo di richiesta deve pervenire, accompagnato da una fotocopia di un valido documento di identità, a mezzo:

  • posta elettronica all'indirizzo: ufficioelettorale@comune.bologna.it
  • posta elettronica certificata all'indirizzo: ufficioelettorale@pec.comune.bologna.it
  • recapitata a mano presso l'ufficio elettorale di piazza Liber Paradisus, 11 anche da persona diversa dall'interessato
  • fax al numero 051 219 4221

La domanda deve in ogni caso contenere:

  • l'indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale
  • l'indicazione dell'Ufficio consolare competente per territorio
  • una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per l'ammissione al voto per corrispondenza (vale a dire che ci si trova all'estero per motivi di lavoro, studio o cure mediche, per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento della consultazione elettorale; oppure, che si è familiare convivente di un cittadino che si trova nelle predette condizioni).

Voto fuori dal Comune di Bologna

A chi ha cambiato abitazione entro il 28 luglio 2020 all’interno del Comune di Bologna, trasferendosi nel territorio di un'altra sezione elettorale, come pure agli elettori iscritti in sezioni modificate o la cui sede è stata spostata, è stato inviato tramite posta un adesivo con i dati aggiornati (compresi numero e indirizzo della nuova sezione), da applicare sulla tessera; nel caso in cui l’adesivo non sia pervenuto, potrà esserne richiesto un altro presso l’Ufficio Elettorale (l’adesivo può essere consegnato anche a un familiare senza alcuna formalità).

Chi si è trasferito dopo il 28 luglio 2020 dovrà ancora votare nella sezione indicata sulla tessera e riceverà in seguito l'adesivo con i dati aggiornati per le future consultazioni.

Per chi si è trasferito nell'ambito della sezione di appartenenza, la tessera rimane valida e non viene inviato nulla.

Tessera elettorale priva di spazi vuoti

Nel caso in cui la tessera elettorale abbia esaurito tutti gli spazi per l'apposizione del bollo che attesta il voto, occorre rinnovarla presentandosi all'Ufficio elettorale. Si raccomanda, comunque, di verificare quanto prima possibile che la tessera abbia ancora spazi disponibili.

Gli elettori iscritti nella lista elettorale del seggio che si presenteranno muniti della propria tessera elettorale priva di spazi per l'apposizione del bollo per la certificazione del voto, potranno essere ugualmente ammessi a votare regolarmente con un attestato che troverà al seggio.

Nella settimana precedente il voto l'Ufficio elettorale osserverà i seguenti orari di apertura straordinaria:

da martedì 15 a venerdì 18 settembre dalle 8.30 alle 17.30
sabato 19 settembre dalle 8.30 alle 18
domenica 20 settembre dalle 7 alle 23
lunedì 21 settembre dalle 7 alle 15

Casi particolari nell'esercizio del diritto di voto

Diritti di voto dei cittadini disabili, delle persone ricoverate in ospedale o in casa di cura, dei detenuti e sul voto domiciliare per chi è affetto da gravi infermità.

Dal 31 agosto al 21 settembre 2020, i presidi sanitari dell’AUSL di Bologna provvederanno al rilascio dei certificati di accompagnamento e dell'attestazione medica.

Cittadini disabili o fisicamente impediti

Se un cittadino disabile è iscritto in una sezione elettorale in cui sono presenti barriere architettoniche, può votare in una qualunque altra sezione del Comune presentando, unitamente alla tessera elettorale, un certificato medico rilasciato dal servizio medicina legale dell'Ausl (si veda l'elenco dei presidi AUSL).
L'attestazione è valida anche se rilasciata in precedenza per altri scopi, come pure è valida una copia della patente di guida speciale, purché dalla documentazione risulti l'impossibilità o la capacità gravemente ridotta di deambulazione.
Poiché la documentazione deve essere trattenuta dal seggio, può essere consegnata al Presidente una fotocopia anche non autenticata.
È previsto il servizio di trasporto pubblico e ambulanza per disabili.

Voto assistito per elettori affetti da gravi infermità

Gli elettori affetti da infermità che non consentono l'autonoma espressione del diritto di voto, sono ammessi al voto con l’aiuto di un elettore della propria famiglia, o di un altro elettore liberamente scelto (purché l’uno o l’altro sia iscritto in un qualsiasi Comune della Repubblica italiana):

  • se si trovano in una delle tre ipotesi tipiche previste dalla legge (cecità, amputazione delle mani, paralisi o da altro impedimento di analoga gravità);
  • se esibiscono la certificazione medica, redatta in conformità alla vigente normativa. I certificati medici possono essere rilasciati soltanto dai funzionari medici designati dai competenti organi dell’AUSL (si veda l'elenco dei presidi AUSL); debbono attestare che l'infermità fisica impedisce all’elettore d’esprimere il voto senza l’aiuto di altro elettore; debbono essere rilasciati immediatamente e gratuitamente;
  • se esibiscono il libretto nominativo rilasciato dall’INPS in cui  sia indicata la categoria «ciechi civili» e sia riportato uno dei seguenti codici:  06; 07; 10; 11; 15; 18; 19;
  • se esibiscono la tessera elettorale personale nella quale sia stato apposto il simbolo “ADV”.
  • Timbro ADV (diritto voto assistito)

Gli elettori che si trovano nelle condizioni sopra elencate possono richiedere al Comune di iscrizione di annotare il diritto al voto assistito, in modo permanente sulla tessera elettorale, tramite il simbolo "ADV". Questa annotazione dà diritto all'accompagnamento nella cabina elettorale per ogni consultazione elettorale e referendaria, senza dover esibire altra documentazione.

La richiesta deve essere formulata all'ufficio elettorale del comune, presentando la tessera elettorale e apposita certificazione medica rilasciata dal funzionario medico designato dall'azienda Usl (si veda l'elenco dei presidi AUSL), che attesti espressamente che l’infermità fisica impedisce all’elettore di esprimere il voto senza l’aiuto di altro elettore.

Cittadini ricoverati in ospedali e case di cura o detenuti in carcere

I degenti in ospedali, in case di cura e i detenuti in carcere (che siano ancora in possesso del diritto elettorale) sono ammessi a votare nel luogo di ricovero o di restrizione.
Gli interessati devono far pervenire, non oltre il terzo giorno antecedente la data della votazione, al Sindaco, una dichiarazione attestante la volontà di esprimere il voto nel luogo di cura o di restrizione. La dichiarazione deve recare in calce l’attestazione del direttore sanitario comprovante il ricovero nell’istituto o del direttore dell'istituto comprovante la detenzione, ed è inoltrata al Comune per il tramite del direttore amministrativo o del segretario dell’istituto stesso.

Referendum 20-21 settembre: positivi al covid, come fare

Gli interessati potranno votare esclusivamente previa esibizione della tessera elettorale e dell’attestazione che verrà rilasciata dal Sindaco contenente l'autorizzazione a votare nel luogo di ricovero o di restrizione.

Voto domiciliare per elettori con gravi infermità

Sono ammessi al voto domiciliare gli elettori scritti nelle liste elettorali del comune:

  • affetti da gravissime infermità, tali che l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano risulti impossibile, anche con l'ausilio dei servizi di trasporto pubblico che i comuni organizzano in occasione delle consultazioni elettorali;
  • affetti da gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano.

Questi elettori devono far pervenire al Sindaco:

  • una dichiarazione in carta libera che attesti la volontà di esprimere il voto presso l'abitazione in cui dimorano e con l'indicazione dell'indirizzo completo ed un recapito telefonico. Inoltre deve essere corredata di fotocopia della tessera elettorale e di un documento di identità. La dichiarazione va presentata presso l'Ufficio elettorale anche tramite email ufficioelettorale@comune.bologna.it ;
  • una certificazione medica, rilasciata dal funzionario medico, designato dai competenti organi dell'azienda sanitaria locale (vedi allegato), in data non anteriore al 45° giorno antecedente la data della votazione, che attesti l'esistenza delle condizioni di infermità (art. 1, comma 1, del DL 3/2006) con prognosi di almeno 60 giorni decorrenti dalla data di rilascio del certificato, ovvero delle condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali.
  • La certificazione medica necessaria è rilasciata presso l'abitazione dell'elettore previo accertamento medico della sussistenza di tali condizioni. Per prenotare l'accertamento domiciliare gli interessati dovranno presentare richiesta scritta all’Unità operativa medicina legale dell’azienda Usl di Bologna tramite fax al n. 051 31 72 208 o all’indirizzo email: medicina.legale@pec.ausl.bologna.it (l’indirizzo riceve sia e-mail che PEC).

La richiesta dovrà obbligatoriamente  contenere i seguenti dati:

  • nome e cognome dell’elettore per il quale è richiesta la certificazione medica a domicilio;
  • indirizzo e recapito telefonico al quale si può essere rintracciati;
  • dichiarazione che l’elettore appartiene ad una delle due categorie di cui sopra previste dalla Legge 49/2009.

Occorre inoltre allegare alla richiesta:

  • documento d’identità dell’elettore per il quale è richiesta la certificazione medica a domicilio;
  • documentazione sanitaria aggiornata sulle attuali condizioni di salute;
  • autocertificazione emergenza Covid compilata e firmata dall’interessato e da ciascuno dei familiari conviventi.

Il sindaco, appena ricevuta la documentazione, previa verifica della sua regolarità e completezza, provvede:

  • ad includere i nomi degli elettori ammessi al voto a domicilio in appositi elenchi distinti per sezioni;
  • a rilasciare ai richiedenti un'attestazione dell'avvenuta inclusione negli elenchi. L'attestazione verrà inviata tramite email o sarà consegnata ad altra persona incaricata.
  • Il voto viene raccolto, durante le ore in cui è aperta la votazione, dal Presidente dell'Ufficio elettorale di sezione nella cui circoscrizione è ricompresa la dimora espressamente indicata dall'elettore nella dichiarazione di cui sopra, con l'assistenza di uno degli scrutatori del seggio, designato con sorteggio, e del segretario. Il Presidente dell'Ufficio elettorale di sezione cura, con ogni mezzo idoneo, che siano assicurate la libertà e la segretezza del voto nel rispetto delle esigenze connesse alla condizione di salute dell'elettore.

Sale per propaganda elettoriale

L'attività di propaganda elettorale nelle sale individuate per questo scopo dai Quartieri può essere effettuata nei trenta giorni antecedenti la data fissata per la consultazione referendaria, escluso il giorno della votazione e quello precedente, quindi dal 21 agosto al 18 settembre.

Le relative richieste devono essere presentate ai singoli Quartieri competenti per territorio a partire dal 35° giorno precedente la data di votazione e almeno 5 giorni prima dell'iniziativa programmata.

Le sale individuate dai Quartieri possono essere concesse anche per altre tipologie di iniziative; tuttavia le richieste finalizzate alla propaganda elettorale presentate da partiti e movimenti politici, associazioni, comitati e soggetti collettivi in genere impegnati nella consultazione hanno la priorità.

La concessione delle sale è subordinata al rispetto e all'adozione da parte del concessionario di  particolari misure di sicurezza legate all'emergenza epidemiologica da Covid 19;  per maggiori informazioni occorre contattare l'ufficio di Quartiere preposto.

Borgo Panigale-Reno
Sala Falcone e Borsellino 
Indirizzo: via Battindarno 123
Disponibilità:

lunedì, mercoledì e venerdì dalle 14 alle 23.45;
sabato e domenica dalle 9 alle 23.45
Non disponibile il martedì e il giovedì.

Dove rivolgersi: le richieste di prenotazione devono essere inviate tramite email all'indirizzo: AffariGeneraliBorgoPanigaleReno@comune di bologna.it. Recapiti telefonici per eventuali informazioni: 051 61 77 859 - 835 - 885.

Sala consiliare Rosario Angelo Livatino
Indirizzo: via Battindarno 127/2
Disponibilità:

lunedì e martedì dalle 9 alle 18;
mercoledì, giovedì, venerdì, sabato e domenica dalle 9 alle 23.45;
Dove rivolgersi: le richieste di prenotazione devono essere inviate tramite email all'indirizzo: AffariGeneraliBorgoPanigaleReno@comune di bologna.it. Recapiti telefonici per eventuali informazioni: 051 61 77 859 - 835 - 885.

Navile
Sala Piazza, Centro Civico Lino Borgatti
Indirizzo: via Marco Polo 51
Disponibilità:

dal lunedì al venerdì dalle 18 alle 24;
sabato e domenica dalle 9 alle 24;
Senza servizio di guardiania (chiavi di accesso da ritirare e riconsegnare all'URP indicato).

Dove rivolgersi:

per il periodo di agosto all' URP Navile - via Fioravanti – indirizzo e – mail: URPNavile@comune.bologna.it
dal 1 settembre all' URP Navile - via Gorki – indirizzo email: URPNavile@comune.bologna.it
Sala Alessandri, Centro Civico Corticella
Indirizzo: via Gorki 10
Disponibilità:

dal lunedì al venerdì dalle 18 alle 24;
sabato e domenica dalle 9 alle 24;
Senza servizio di guardiania (chiavi di accesso da ritirare e riconsegnare all'URP indicato).

Dove rivolgersi:

per il periodo di agosto all' URP Navile - via Fioravanti – indirizzo e – mail: URPNavile@comune.bologna.it
dal 1 settembre all' URP Navile - via Gorki – indirizzo email: URPNavile@comune.bologna.it
Porto-Saragozza
Sala consiliare
Indirizzo: via dello Scalo 21
Capienza: 30 persone
Disponibilità:

sabato e domenica dalle 9 alle 21
Dove rivolgersi: Ufficio Affari Istituzionali - Porto-Saragozza via dello Scalo

Sala Cenerini
Indirizzo: via Pietralata 60
Capienza: 48 persone
Disponibilità:

lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9.00 alle 13;
martedì e giovedì dalle 9 alle 17
Non disponibile il  sabato, la domenica e nei giorni festivi. 

Dove rivolgersi: URP Porto-Saragozza - via 21 Aprile

San Donato-San Vitale
Sala consiliare Vinka Kitarovic
Indirizzo: piazza Spadolini 7
Disponibilità:

dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 23.45
sabato, domenica e festivi dalle 8.30 alle 23.45
Sala senza servizio di guardiania; per il ritiro delle chiavi occorre prendere accordi con l'ufficio preposto al rilascio delle autorizzazioni.

Dove rivolgersi: Segreteria di Presidenza - piazza Giovanni Spadolini 7 - email: Segreteriapresidenzasandonatosanvitale@comune.bologna.it - tel. 051 63 37 550-507- 571, fax 051 50 18 50.

Santo Stefano
Sala Marco Biagi, complesso del Baraccano
Indirizzo: via Santo Stefano 119
Disponibilità: la sala è disponibile unicamente nei seguenti giorni e orari:

martedì 1, lunedì 7, giovedì 10 settembre dalle 9 alle 23.30
martedì 15 settembre dalle 9 alle 20.
Dove rivolgersi: le domande dovranno essere indirizzate esclusivamente a brunella.bordini@comune.bologna.it

Sala Prof. Marco Biagi

Indirizzo: via Santo Stefano 119 - Complesso del Baraccano
Disponibilità:

martedì 1, lunedì 7, giovedì 10 settembre dalle 9 alle 23.30;
martedì 15 settembre dalle 9 alle 20.
Dove rivolgersi: le domande dovranno essere indirizzate esclusivamente a brunella.bordini@comune.bologna.it

Savena
Sala Romano Martelli
Indirizzo: via Faenza 4 - Centro civico
Capienza: 30 persone

Disponibilità: tutti i giorni, festivi compresi, dalle 8 alle 23.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dove rivolgersi: Ufficio Reti e Lavoro di Comunità, email: ufficioretisavena@comune.bologna.it - tel. 051 62 79 363-305-337-396 . Orario di ricevimento: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13; martedì e giovedì anche dalle 15 alle 17.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, tre ragazzi positivi nei licei di Bologna: controlli su 90 tra studenti e professori

  • Liceo Galvani, lutto al rientro a scuola: è morto il prof Stefano Tampellini

  • Soccorsi all'alba in via Emilia Levante: nulla da fare per un ragazzo di 20 anni

  • Lo storico bassista di Vasco Rossi, Claudio Golinelli detto "il Gallo" ha subito un trapianto al fegato

  • Coronavirus nel bolognese, un caso a Longara di Calderara di Reno: "34 ragazzi in isolamento"

  • Aggressione in casa: tenta violenza sessuale, lei scappa in strada

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento