Referendum taglio parlamentari, il SI: "Non è importante solo per il M5S, darà più stabilità di governo"

Silvia Piccinini: "Un sondaggio ci dice che l’80% degli italiani è favorevole a questa riforma. Ciò dimostra che, nonostante i tentativi di boicottaggio in atto, i cittadini hanno capito benissimo quali saranno i vantaggi del Sì"

Due settimane o poco più al momento del referendum sul taglio dei parlamentari: dopo le ragioni del NO raccontate in un'intervista a Matteo Rossini (del comitato Comitato 3 motivi per il no sezione di Bologna) è la volta di chi sostiene in SI. E' dai banchi della Regione Emilia-Romagna che la consigliera del Movimento 5 Stelle Silvia Piccinini spiega perchè questa battaglia per ridurre il numero dei parlamentari sia così importante non solo per il suo partito, ma per tutto il Paese. 

Il 20/21 settembre sono le date del referendum costituzionale: cosa deciderà questo voto? Una battaglia importante per il M5S... 

"Il voto delle prossime settimane non è importante solo per il MoVimento 5 Stelle, lo è per tutti gli italiani e per il futuro del nostro Paese. Da decenni politologi e costituzionalisti propongono sulle pagine dei giornali e nelle aule universitarie il taglio del numero dei nostri parlamentari per dare all’Italia più stabilità di governo, maggiore efficienza e velocità legislativa. Adesso che però è stato il MoVimento 5 Stelle a proporre e portare avanti questa battaglia, improvvisamente questa riforma non è più necessaria, anzi sarebbe addirittura deleteria per la nostra democrazia. Io, invece, credo che la realtà non sia cambiata: in Italia oggi c’è un parlamentare eletto ogni 63mila abitanti, in Spagna uno ogni 84mila, in Francia uno ogni 116mila e in Germania uno ogni 117mila. Bastano questi numeri a dimostrare come la rappresentatività del nostro Parlamento sia al di sopra degli standard delle altre democrazie moderne". 

Ci spiega le ragioni del SI e perché questo referendum è così importante? 

"I quasi 1000 parlamentari attuali in totale portano inevitabilmente ad una maggiore frammentazione tra svariati gruppi parlamentari, che a volte non rappresentano le principali forze politiche presenti nel Paese ma gruppetti che servono solo a garantire la sopravvivenza di qualche poltrona. Un numero più ragionevole di parlamentari obbliga invece ad avere meno gruppi politici, auspicabilmente solo quelli che corrispondono a partiti e movimenti votati dai cittadini. Per questo abbiamo proposto e approvato il disegno di legge che fa nascere una Camera da 400 eletti e un Senato da 200. È una riforma che, a nostro avviso, porterà più efficienza e quindi rafforzerà il Parlamento".

Cosa dicono i bolognesi sul referendum: video interviste 

Vi aspettate una partecipazione significativa? 

"Per noi questo referendum, come tutti i referendum, è lo strumento più nobile a disposizione dei cittadini per incidere sulla vita politica e sulle decisioni che riguardano il Paese. D’altronde il MoVimento 5 Stelle ha fatto della democrazia diretta uno dei suoi punti fondanti. Non ci sarà quorum, quindi il risultato sarà stabilito solo ed esclusivamente dal voto dei cittadini. Detto questo però non si può non sottolineare come coloro che hanno firmato per far svolgere questo referendum siano stati appena 669, a fronte delle 500.000 firme richieste dalla Costituzione. Su 50 milioni di elettori il referendum è stato chiesto cioè dallo 0,000013% degli aventi diritto. Ma il referendum si farà lo stesso perché 71 senatori hanno richiesto di sottoporre la riforma al vaglio popolare. Vale la pena sottolineare come alcuni di questi siano senatori della Lega, la stessa forza politica che ha sempre sostenuto la riforma durante il suo iter in Parlamento. Insomma, la solita coerenza del partito di Salvini".  

Secondo lei gli italiani sono bene informati su questo referendum e sulle dinamiche del Parlamento e del Governo in generale? Girano delle false informazioni a riguardo secondo lei fra stampa e social? 

"Mi sembra che sia sotto gli occhi di tutti come tutti i principali giornali e le tv stiano dando grande spazio a chi sostiene le ragioni del NO, senza spiegare minimamente il perché questa riforma attesa da anni non vada bene e limitandosi esclusivamente ad agitare lo spauracchio del deficit di rappresentatività dei territori nel prossimo Parlamento. Nonostante ciò un recente sondaggio, tra l’altro pubblicato dal principale giornale del fronte del NO, ovvero Repubblica, ci dice che l’80% degli italiani è favorevole a questa riforma. Questo dimostra che, nonostante i tentativi di boicottaggio in atto, i cittadini hanno capito benissimo quali saranno i vantaggi del Sì. Ripeto: è una riforma attesa da decenni e grazie al MoVimento 5 Stelle adesso potrà finalmente diventare realtà". 

A Bologna che aria tira? Cosa rispondete alle ragioni del NO?  

 "Mi sembra che a Bologna le ragioni del NO siano sostenute soprattutto dai ‘Gattopardi’ della nostra politica: da Casini a Prodi. Persone che spesso invocano la parola cambiamento ma poi fanno di tutto perché nulla possa cambiare o accadere. Le loro posizioni su questo referendum ne sono la dimostrazione. Per non parlare delle Sardine, evidentemente terrorizzate dal fatto che alle prossime elezioni con la nostra riforma le opportunità per entrare in Parlamento per improbabili formazioni politiche e neonate correnti di partito si riducano notevolmente, alla faccia delle piazze e della partecipazione politica senza secondi fini. Il vero paradosso è che tutti, o quasi, si sono detti d’accordo sul fatto che il numero dei parlamentari in Italia sia eccessivo ma che questa questo tema non è una priorità per il Paese. Per carità, nessuno ha mai sostenuto che questa riforma sia la panacea per tutti i mali dell’Italia ma da qualche parte si dovrà pur cominciare. Noi lo stiamo facendo da quando siamo al governo e vogliamo continuare a farlo anche il prossimo 20 e 21 settembre". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, tre ragazzi positivi nei licei di Bologna: controlli su 90 tra studenti e professori

  • Liceo Galvani, lutto al rientro a scuola: è morto il prof Stefano Tampellini

  • Dove mangiare pesce a Bologna: 4 imperdibili ristoranti

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

  • Aggressione in casa: tenta violenza sessuale, lei scappa in strada

  • Marzabotto, festa di compleanno in casa: 34 multe per assembramento e 3 denunce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento