Insediamento nuova assemblea in Regione: si farà a porte chiuse, senza pubblico e stampa

"Strettamente necessario all'avvio della legislatura". Bignami: "Neanche riescono ad organizzare Ia prima seduta di Bonaccini, figurati l'emergenza sanitaria"

Prima l'annullamento per l'emergenza Coronavirus, poi la riconferma in una nota spedita all'alba di oggi 26 febbraio alla presidente dell'Assemblea Simonetta Saliera.

L'avvio della legislatura e l'insedimento dell'Assemblea Legislativa è quindi fissata, come in precedenza, al 28 febbraio poichè si tratterebbe di un  momento "strettamente necessario all'avvio della legislatura", che porta con sè anche la piena operatività della nuova giunta, nominata, ma ancora ufficialmente non insediata. Potrebbe avvenire a porte chiuse, cioè senza pubblico e giornalisti in aula. Da quanto si apprende, sulla questione è nato un scontro tra Bonaccini e Simonetta Saliera, ancora presidente dell'Assemblea Legislativa.

Le concentrazioni di persone vanno evitare, ma quel tema "non può essere sollevato per il funzionamento di tutti gli uffici pubblici che svolgono servizi essenziali", sottolinea Bonaccini nella lettera. Le riunioni politiche, argomenta Bonaccini sono peraltro "strettamente necessarie al superamento della fase di emergenza sanitaria che stiamo affrontando". La sedura quindi non può essere considerata "nel perimetro di operatività" della ordinanza firmata domenica insieme al ministro della Salute Roberto Speranza. Saliera ha inviato a tutti i consiglieri la comunicazione di Bonaccini, ripristinando la seduta per il 28 febbraio. "Prendo atto che il presidente della Regione si assume direttamente la responsabilità di derogare dai termini previsti nell'ordinanza da lui cofirmata col ministro della Salute". Si conferma, quindi, la "convocazione precedente della seduta d'insediamento dell'Assemblea legislativa per venerdì 28 febbraio alle ore 10".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul piccolo "valzer" delle date interviene anche il deputato di Fratelli d'Italia Galeazzo Bignami: "Neanche riescono ad organizzare Ia prima seduta di Bonaccini, figurati l'emergenza sanitaria. Poi si chiedono perchè le persone non capiscono e sono disorientate". Ha commentato sui social "Non sono neanche capaci di interpretare quello che scrivono loro stessi- commenta Bignami, ex consigliere di viale Aldo Moro- prima fissano la seduta del consiglio regionale per il 28 febbraio. Poi la spostano al 4 marzo. Ora la rimettono al 28 febbraio". (dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm | Scuole, locali, palestre & co: ecco le nuove misure approvate

  • Bollettino Covid, boom contagi: +1180 casi in regione, +348 a Bologna. Altri 10 morti

  • Crollo in via del Borgo: morto al Maggiore lo studente travolto dalle macerie

  • 23 ottobre, sciopero nazionale treni e bus: cosa c'è da sapere

  • Gianluca Vacchi firma una cashback card: oltre ai benefit, c'è anche un progetto benefico

  • Trasporti bus e corriere Tper: sciopero il 23 ottobre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento