rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022

Renzi a Bologna per il suo libro: "Conti? Italia Viva non va a destra, buon lavoro a lei" | VIDEO

All'Opificio Golinelli la presentazione de ’Il Mostro’. Auguri al cardinale Zuppi e attacco al Reddito di Cittadinanza

Matteo Renzi questa sera all'Opificio Golinelli per la presentazione del suo libro ’Il Mostro’. Il leader di Italia Viva prima di entrare in sala si ferma con i cronisti e commenta la scelta della sindaca di San Lazzaro, ex Italia Viva, di lasciare il partito.

"Isabella Conti ha scelto di fare un altro percorso, le auguro di cuore un buon lavoro con tutto l’affetto e l’amicizia di sempre. Le ragioni politiche che sono alla base del suo gesto – afferma Renzi – non sono di politica nazionale perché Italia Viva non va a destra". 

Nella sala, gremita di sostenitori, in prima fila siedono il senatore Pier Ferdinando Casini, l'ex ministro Gianluca Galletti e l'assessore regionale Mauro Felicori. Più di un'ora di show, in platea anche il consigliere comunali di 'Anche tu Conti' Filippo Diaco e la presidente delle Acli di Bologna, Chiara Pazzaglia. 

Zuppi a capo della Cei, Renzi: "Segno di speranza per la comunità civile"

Renzi, parlando ai cronisti, ha subito esordito congratulandosi con il cardinale Matteo Zuppi, appena nominato dal Papa a capo della Cei: "Vorrei che arrivasse l’abbraccio più grande e affettuoso al cardinale che è chiamato ad una responsabilità grande, ovviamente per la chiesa cattolica ma per tutta l’Italia. L’idea che il pastore di Bologna da oggi sia anche alla guida della Dei è un segno di speranza anche per la comunità civile in Italia. Buon lavoro a don Matteo".

Renzi: "Il Reddito di cittadinanza va abolito"

"Il reddito di cittadinanza va abolito, lo sanno tutti. Non vogliamo un cattivo sussidio, vogliamo un buon lavoro. Siamo a Bologna, la Dotta, che ha insegnato ad educare, a studiare, a diventare competenti. Siamo a Bologna, la città del lavoro – prosegue – e abbiamo bisogno di lavoro, noi siamo il partito del lavoro non il partito dei sussidi".

"Il reddito di cittadinanza – continua – è quanto di più diseducativo ci sia in questo Paese, educa soprattutto le giovani generazioni del sud a non pensare in grande, ma ad accontentarsi e magari anche ad avere un voto di scambio con il leader di turno. Ho visto che Giuseppe Conte ha detto che sono Robin Hood al contrario; pensando a tutto quello che lui ha detto, dalle mascherine alle truffe sul reddito di cittadinanza e sul superbonus, posso dire che lui è lo sceriffo di Nottingham".

Video popolari

Renzi a Bologna per il suo libro: "Conti? Italia Viva non va a destra, buon lavoro a lei" | VIDEO

BolognaToday è in caricamento