menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rimpasto di Giunta in Comune, Merola silura Malagoli e Gambarelli

Manca ancora l'ufficialità, ma il cambio di assessori era nell'aria da qualche giorno. Dietro ai rimpiazzi, gli equilibri interni al Partito Democratico in vista delle elezioni politiche

Alla fine il rimpasto è arrivato. Il peso delle vicine elezioni politiche si sta facendo sentire anche sotto le Due Torri: a cadere sotto i colpi della realpolitik, a 46 giorni dalla consultazione elettorale, sono stati due membri della giunta Merola a cui il sindaco ha ritirato le relative deleghe.

Manca soltanto l'ufficialità ma la stampa locale riporta ampiamente come il primo cittadino abbia chiesto l'estremo sacrificio politico all'ormai ex assessore alla cultura Bruna Gambarelli e, passo indietro di peso, anche al fedelissimo Riccardo Malagoli assessore con deleghe delicate come polizia municipale e sicurezza. Che le cose non andassero bene tra l'assessore alla Cultura e l'Inner Circle di Virginio Merola non era mistero, clamoroso invece il passo indietro chiesto all'ex Sel, rimasto senza partito, Riccardo Malagoli.

Proprio questo ultimo ritiro fa pesare l'importanza della partita a RisiKo che con tutta probabilità sta coinvolgendo il Partito Democratico in questa delicata fase pre elettorale. La ex ditta esce con le ossa ammaccate da una fase congressuale che non ha risparmiato colpi bassi, e con una fronda interna alla maggioranza in consiglio comunale indipendente dalle dinamiche di partito, ma che ancora sente lo scotto del cambio di direzione voluto con il Merola bis.

Agli assessorati ora vacanti dovrebbero arrivare due uomini del Partito Democratico, nella fattispecie Marco Lombardo, 36 anni, già consigliere comunale vicino alla big regionale -e renziana assessora al Welfare- Elisabetta Gualmini, ma in quota Rizzo Nervo all'ultima assise dem per eleggere il segretario cittadino Critelli.

Altro nome in arrivo dai ranghi del Partito Democratico è quello di Alberto Aitini, 33 anni, già segretario cittadino della macchina Democratica e fedelissimo del segretario provinciale neoeletto Francesco Critelli.

Entrano così in Giunta le due componenti che si sono affrontate al congresso provinciale, e le nomine accontenterebbero tutti anche perché con l'ingresso di Lombardo in giunta comunale la strada verso la candidatura nei listini del proporzionale per Luca Rizzo Nervo (perdente al congresso e supportato da Merola, ndr) si farebbe meno in salita.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento