rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Politica

Ronde Lega, l’Associazione Nazione Rom presenta un esposto: “Odio razziale”

Tante le reazioni alla ronda leghista all'ospedale Maggiore. Dopo il Sindaco, interviene la presidente dell'Assembla legislativa Palma Costi e l'Associazione Nazionale Rom che ha presentato un esposto in Procura

"Sospendere cautelativamente la Lega Nord dalla competizione elettorale perché, attraverso azioni illegali, violenza, minacce, razzismo esplicito e praticato contro la prima minoranza etnica dell'Unione Europea, cerca consenso elettorale tra la società civile italiana istigando la stessa a delinquere e praticare odio razziale". Lo chiede alla Magistratura l’Associazione Nazione Rom in una denuncia presentata in Procura a seguito della “visita” degli esponenti del Carroccio all’ospedale Maggiore.

Mentre Manes Bernardini annuncia una seconda puntata per domattina "All'illegalità non si risponde con l'illegalità", la presidente dell'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna, Palma Costi sulla sua pagina Facebook - Se all'ospedale Maggiore di Bologna alcune persone utilizzano i bagni e gli spazi nei reparti senza che siano pazienti, non è con ronde dalle insegne partitiche che si risolve il problema, né con sgomberi mirati. Devono attivarsi la direzione dell'azienda sanitaria e le autorità mentre i rappresentanti delle istituzioni sono chiamati loro per primi a rispettare la legge, senza invasioni analoghe a quelle che si dice di voler contrastare. E non va mai dimenticato che l'emarginazione sociale non si affronta con la violenza, anche solo verbale".

Non fanno trascorrere molto tempo i consiglieri regionali della Lega Nord Mauro Manfredini e Stefano Cavalli: "Ricordiamo a Palma Costi la smetta con la politica di parte e inizi a farsi garante dei 50 consiglieri. Se vuole dare un contributo 'strigli' il presidente Errani e l'assessore Lusenti. Siamo allibiti, è la prima volta che un presidente dell'Assemblea Legislativa interviene a gamba tesa nell'agone politico di una città che non è neanche la sua, facendo pesare la propria appartenenza partitica. Costi stia nel suo ruolo. Non l'abbiamo eletta per fare gli interessi del Pd sul massimo scranno dell'Assemblea". Per i due consiglieri del Carroccio "il sopralluogo per la sicurezza messo in atto da Manes Bernardini e dalla Lega bolognese è stato un atto dovuto, che appoggiamo in pieno, e che siamo pronti a replicare negli ospedali dei nostri territori, qualora se ne presentasse la necessità".

La sede reggiana della Lega, intanto, la scorsa notte è stata presa di mira da vandali che, dopo aver spaccato la finestra sul retro, sono entrati nei locali, hanno forzato le porte di accesso agli uffici e si sono impossessati della 'cassa'. "Nel momento in cui la Lega ha acceso i riflettori sulla sicurezza, innescando una battaglia di diritti, è stata presa d'assalto da chi fa del parassitismo la sua unica ragione di vita", ha commentato l'on. Fabio Rainieri, segretario della Lega emiliana.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ronde Lega, l’Associazione Nazione Rom presenta un esposto: “Odio razziale”

BolognaToday è in caricamento