Politica Localita' Ponticella

San Lazzaro, per l'accoglienza profughi si pensa alla Ponticella: 'Decisione imposta'

Così il sindaco del comune bolognese, piccato dall'ipotesi avanzata dalla Prefettura: 'Non comprendo perché si debbano creare degli imbarazzi con una comunicazione che rischia di indurre dei fraintendimenti"

Ondata di profughi in arrivo nel Paese nei prossimi mesi e già 130 sono stati indirizzati nel bolognese, tra fine febbraio e inizio aprile. Per affrontare l'emergenza accoglienza lunedì scorso summit sul tema. Intanto, dopo i malumori del sindaco di Sasso Marconi - dove 50 migranti sono stati spediti a Villa Angeli - anche il primo cittadino di San Lazzaro accusa le modalità dell'operazione. "La Prefettura starebbe pensando di accogliere profughi libici alla Ponticella. Una decisione imposta e non concordata, un metodo evidentemente non accettabile. Non c'è questione che non possa essere affrontata e risolta, ma facendo i passi giusti al momento giusto."Così Marco Macciantelli difronte all'ipotesi di ospitalità di migranti nella propria amministrazione.

Il luogo indicato come papabile per l'accoglienza sarebbe l'ex collegio Pascoli, che da pochi giorni è in attesa di un diverso utilizzo, a seguito del trasloco della Guardia di Finanza che vi era ospitata all'interno. Tuttavia - ricorda il primo cittadino - si tratta di "una proprietà privata, non un patrimonio demaniale".

La settimana Macciantelli sarebbe stato 'preallertato' - in maniera però poco esplicita, a suo dire: 'Non comprendo perché si debbano creare degli imbarazzi con una comunicazione che rischia di indurre dei fraintendimenti". Il sindaco riferisce di aver ricevuto la telefonata di una signora, a nome della Prefettura, che chiedeva se a San Lazzaro vi fossero strutture idonee ad accogliere degli immigrati. La sua risposta sarebbe stata "a me non risulta, la cosa va verificata. A tal punto, ho aggiunto, che in altra circostanza, si è convenuta una soluzione come Comuni del Distretto socio-sanitario presso un albergo collocato fuori da San Lazzaro". Il Comune di San Lazzaro ha un Assessorato all'Integrazione seguito dal Raymon Dassi "proprio al fine di sottolineare - ribadisce Macciantelli - come per noi la questione immigrazione meriti un’esplicita delega. Non abbiamo nessun problema ad esaminare nelle sedi appropriate il tema come abbiamo fatto lunedì mattina nell'Ufficio di Presidenza della Conferenza Metropolitana col Vicesindaco Giorgio Archetti e come faremo giovedì prossimo nello stesso organismo". Rimanda a quella sede Maccainetlli ogni decisione su "orientamenti condivisi tra Prefettura ed enti locali".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Lazzaro, per l'accoglienza profughi si pensa alla Ponticella: 'Decisione imposta'

BolognaToday è in caricamento