rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Politica San Pietro in Casale

San Pietro in Casale, Lega vs tassa rifiuti: 'Costi maggiori, più risparmiamo più Hera ci stanga'

Modificare il sistema di conteggio della tassa non più sulla base delle metrature, ma dei rifiuti prodotti. Già raccolte 200 firme l'iniziativa partita dal consigliere comunale leghista Mattia Polazzi

Una petizione per modificare il sistema di conteggio della tassa rifiuti - non più sulla base delle metrature, ma dei rifiuti prodotti. Sono già 200 firme l’iniziativa partita dal consigliere comunale leghista di San Pietro in Casale Mattia Polazzi. In base ai suoi calcoli “a fronte dei 200 mila euro risparmiati, nel solo 2014, grazie alla differenziata, Hera ci ha caricati di maggiori costi per oltre 266mila euro. Più risparmiamo più la multiservizi ci stanga. Stiamo coinvolgendo i cittadini affinché dalla città arrivi una risposta forte alle vessazioni delle multiutilities”, scrive Polazzi in una nota.

Colossi che mirerebbero unicamente al business per il consigliere del Carroccio "nella totale compiacenza di un governo che - con lo Sblocca Italia, all’articolo 35 - ha previsto che nella nostra regione possano essere importati i rifiuti campani e, quindi, potenziati gli inceneritori - protesta il candidato alla presidenza della Regione per Lega Nord, FI e Fd’I Alan Fabbri, durante una visita a San Pietro in Casale-. Inutile che le amministrazioni territoriali investano sulla differenziata se un governo amico dei poteri forti invia vagonate di rifiuti del meridione negli inceneritori dell’Emilia Romagna, con grave danno per la salute dei cittadini. Questo sistema è una presa in giro. La raccolta firme di San Pietro in Casale è un segno tangibile dell’insofferenza della gente verso queste politiche vessatorie”.

Nel corso del tour a San Pietro in Casale Fabbri e Polazzi hanno incontrato anche alcuni commercianti, tra cui i titolari di alcune botteghe storiche. Tra questi Max Ceresi 25enne, figlio di storici macellai del paese, che si è inventato il business delle grigliate a domicilio e oggi è richiesto da Cortina a Zurigo.

GRUPPI CONSILGIARI CONTRO. Alla presentazione del nuovo Piano Finanziario di Hera per la Raccolta Rifiuti, durante il consiglio comunale del 30 settembre, tutti i gruppi consiliari avevano votato contro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Pietro in Casale, Lega vs tassa rifiuti: 'Costi maggiori, più risparmiamo più Hera ci stanga'

BolognaToday è in caricamento