Politica Centro Storico / Via Nazario Sauro

La Lega in “ronda” nei quartieri. Intanto la loro sede diventa una "discarica"

Mentre il Carroccio era in "tour antidegrado", presa d'assalto la "Casa del sindaco" in via N. Sauro. Tpo e Sadir accerchiano l'edificio: sacchi della spazzatura, adesivi e striscioni di protesta

Ieri attacco al cuore del Carroccio in città: Tpo e Sadir in protesta, accerchiano la “Casa del Sindaco”, sede del partito, in via Nazario Sauro.

Il blitz, avviene solo a pochi giorni dall’ultimo, violento, attacco subito da Bernardini ed i suoi da parte del popolo No Tav. Forma di protesta non violenta, ma chiara e dura, invece quella organizzata ieri dagli attivisti di Tpo e Sadir.

Sacchi neri dell’immondizia, adesivi e striscioni con frasi “Cestina la Lega” e “Rifiuta il razzismo” davanti al comitato elettorale della Lega nord, per protestare contro il dissenso del Carroccio nell’accogliere in regione i rifiuti dell’emergenza napoletana.

Al centro della manifestazione, oltre il tema della spazzatura, il dramma dei profughi in arrivo da mesi a Lampedusa e le proteste dei No Tav in Val di Susa.
E giù via, ancora scritte diffamatorie contro il partito di Bossi: “Manifesto abusivo, partito razzista”; oppure “Da gennaio sono morte 1.820 persone nel tentativo di attraversare il Mediterraneo”. Tappezzati i muri anche con le foto delle ruspe in Val di Susa, in segno di solidarietà al popolo NO Tav.

TOUR ANTIDEGRADO. Tutto questo accadeva mentre il consigliere comunale leghista, Manes Bernardini, insieme ad un gruppetto dei “suoi”, se ne andava in giro per le vie della città impegnato nel “tour antidegrado”.

L’ex candidato sindaco, attraverso una visita guidata ha esplorato la zona tra via del Lavoro e il ponte di San Donato in compagnia dei residenti della zona, esasperati dagli episodi sempre più frequenti di delinquenza e vandalismo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Lega in “ronda” nei quartieri. Intanto la loro sede diventa una "discarica"
BolognaToday è in caricamento