menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Taglio ai vitalizi, l'ex parlamentare si sfoga: 'Battaglia legale, vi faccio male'

Enzo Raisi, ex An, non ha preso affatto bene la misura licenziata alla Camera per la decurtazione degli assegni in essere per gli ex deputati

Enzo Raisi promette battaglia. L'ex deputato di An, trasferitosi da anni ormai in Spagna per scelte di lavoro e di vita, non ha affatto digerito il taglio ai vitalizi approvato oggi alla Camera dalla maggioranza giallo-verde che siede in Parlamento e guida il Governo Conte.

E cosi' si sfoga su Facebook, promettendo appunto di volersi impegnare in un lungo contenzioso legale. "Di quanto viene decurtato il vitalizio?", gli chiedono sui social. "Non lo voglio neanche sapere- risponde Raisi- proprio non me ne frega più nulla. Voglio solo fargli male dal punto di vista giudiziario. Spenderò tutto quel poco che ho per fare processi a tutti i livelli e chiedergli i soldi di persona. Per il resto non me ne frega più nulla, ma proprio nulla".

Raisi è talmente arrabbiato da valutare seriamente di prendere la cittadinanza spagnola (ne ha diritto, per le origini della madre) abbandonando quella italiana. "Il dado è tratto- si sfoga l'ex deputato e assessore bolognese- ho servito il mio Paese per quasi 40 anni, pagato solo gli ultimi 15. Non so se l'ho fatto bene o male, non sta me dirlo, ma sicuramente con il cuore e dedizione, rinunciando a tante cose e pagandolo in termini famigliari e professionali. Certo è stata una scelta, ma una scelta verso il proprio Paese che tutto pensavo tranne che fosse, non dico riconoscente, ma quanto meno non vendicativo.
Perché quella di oggi è solo una piccola e inutile vendetta frutto di questo momento di oblio mentale- attacca Raisi- se avevo qualche dubbio sulla mia futura cittadinanza, oggi me lo hanno tolto. Da oggi inizia la battaglia e non si faranno prigionieri".

L'ex An è consapevole dei costi del contenzioso, così come sa che "loro si sono messi al riparo, dopo i pareri negativi degli uffici della Camera e dei costituzionalisti, facendosi fare un documento in cui li liberavano da responsabilità personali. Invece io voglio fargli male personalmente".

In un ulteriore commento, Raisi aggiunge che i contributi versati per il vitalizio "non posso aggregarli a quelli versati per 20 anni all'Inps. Per cui quell li perdo e di questi prendo poco o nulla. Dici che devo essere poco inc...? E poi solo a noi deputati, non ai senatori. Altro da aggiungere?". (San/ Dire) 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento