Ustica, Giovanardi: "Battaglia aerea? E' Fantapolitica, romazo!"

Le motivazioni addotte dal Tribunale di Palermo intorno al disatro aereo sono "abnormi" per il sottosegretario Carlo Giovanardi, da sempre promotore dell'ipotesi "bomba esplosa a bordo"

Si inizia a far luce intorno alle cause del disastro aereo avvenuto 31 anni fa sui cieli di Ustica. 81 innocenti persero la vita, non per una bomba esplosa al bordo, questo ormai è appurato, almeno per i giudici del Tribunale di Palermo, che oggi hanno depositato gli atti in cui si legge che quel 27 giugno 1980, l'aereo di linea DC-9 si squarciò in volo perchè "colpito da un missile o per una quasi collisione tra velivoli militari non identificati che volavano attorno all'aeroplano al momento del disastro".

POLEMICA GIOVANARDI. Tra la soddisfazione dei parenti delle vittime, che vedono nelle parole dei giudici palermitani "un giudizio positivo", si fa strada anche la polemica. Il sottosegretario Carlo Giovanardi, da sempre sostenitore della tesi della "bomba a bordo", vede nelle parole della dottoressa Protopisani - giudice del Tribunale di Palermo, vede piuttosto "motivazioni abnormi, in totale contrasto con la sentenza passata in giudicato della Suprema Corte di Cassazione che ha accertato che l'ipotesi di battaglia aerea è ascrivibile alla categoria della fantapolitica o del romanzo".

Per Giovanardi Protopisani "ripropone le ipotesi elaborate dal Giudice istruttore dell'epoca, Dott. Priore, contraddette nel processo dagli stessi pubblici ministeri, dai risultati delle commissioni peritali, dalla Commissione Stragi e dalla documentazione fornita dalla NATO da cui risulta con certezza che nessun aereo era in volo quella sera in vicinanza del DC 9 dell'Itavia. L'appello sicuramente cancellerà questa incredibile sentenza ma, nel frattempo, ho dato incarico all'Avvocatura di Stato di verificare se nelle affermazioni dell'Avv. Osnato siano ravvisabili profili diffamatori nei riguardi del Governo italiano e di chi rispetta la verità giudiziaria emersa nella sentenza scritta dalla Cassazione". E lo Stato prepara la sua difesa, ha già impugnato la sentenza che lo condanna al risarcire i parenti delle vittime della strage.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Incidente a Casalecchio: pedone investito all'incrocio

  • Morti in incidenti stradali: Bologna la più colpita, diventa obbligatorio l'alcol-lock

  • Rifiuti, stop indifferenziata porta a porta: da oggi si usa solo la Carta Smeraldo

  • Monte San Pietro: anziano morto durante il trasporto in pulmino, indagini in corso

Torna su
BolognaToday è in caricamento