rotate-mobile
Politica

Frane Variante di Valico, Defranceschi: 'Peri denunci Autostrade o io denuncerò entrambi'

Peri avrebbe 'dormito' sui danni provocati dai lavori per la costruzione della Variante di Valico. Ora chiede all'assessore regionale Alfredo Peri di passare ai fatti

Avrebbe "serenamente dormito per tre anni sulle denunce di chi lo allertava" secondo il consigliere regionale Andrea Defranceschi, ora autosospeso dal Movimento 5 Stelle, sui danni provocati dai lavori per la costruzione della Variante di Valico e soprattutto sul "grave stato in cui versava il bene storico-artistico di cui sembra tanto preoccupato (a partire dal parroco della chiesa in questione, Don Baroncini, così come da me in diverse e ripetute occasioni)".

Per la la storica Chiesa di Santa Maria Maddalena a Ripoli, frazione di San Benedetto Val di Sambro, è stata ordinata la chiusura "a scopo precauzionale" a causa delle lesioni rilevate: “Sono certo che l’improvviso allarme che ha destato l’assessore Peri lo avrà portato a eseguire pronta denuncia alla Procura della Repubblica per i reati di danneggiamento di beni di valore storico-artistico, nello specifico, quelli ivi descritti nel codice penale - scrive Defranceschi in una nota - Art. 635: “Chi distrugge, disperde, deteriora e rende inservibili cose mobili o immobili altrui”, pena reclusione fino a un anno, multa fino a € 309. “Chi distrugge, disperde, deteriora e rende inservibili edifici pubblici, edifici per il culto, cose di interesse storico-artistico, immobili del centro storico”, pena reclusione da 6 mesi a 3 anni, Art. 639 “Chi deturpa e imbratta mobili e immobili”, pena previa querela, Art. 733 “Chi deteriora o danneggia beni propri appartenenti al patrimonio archeologico e storico-artistico nazionale”, pena arresto fino a un anno e ammenda superiore a € 2.065, confisca del bene".

Secondo il consigliere la denuncia che naturalmente "non dovrà essere contro ignoti, perché i responsabili sono notissimi: Peri ha l’obbligo di denunciare la società Autostrade S.p.a per i danni causati al nostro patrimonio artistico. Responsabilità acclarata dal Collegio dei Consulenti Tecnici d’Ufficio nominati dalla Procura stessa. Trattandosi di pubblico ufficiale, incaricato di pubblico servizio, questo rientra tra gli obblighi che la sua funzione e il suo stipendio, impongono. Ovviamente sarà mia cura fare un accesso agli atti per chiedere copia della denuncia. In caso di risposta negativa, provvederò io stesso alla denuncia, informando al contempo la Procura, dell’omissione di atti d’ufficio dell’Assessorato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frane Variante di Valico, Defranceschi: 'Peri denunci Autostrade o io denuncerò entrambi'

BolognaToday è in caricamento