rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Politica

Direzione PD: Merola rinuncia a parlare e torna a Bologna

Mentre ci si attendeva una sorta di "ingresso trionfale" del primo cittadino alla difficile direzione del Partito Democratico, ha addirittura rinunciato a parlare e ha partecipato alla festa di fine Ramadan

Sono stati pochi i sindaci del Partito Democratico che sono riusciti a spuntarla all'ultima tornata elettorale. Tra questi Virginio Merola e il riminese Andrea Gnassi, rieletto però al primo turno. 

Mentre ci si attendeva una sorta di "ingresso trionfale" del primo cittadino alla difficile direzione del Partito Democratico di ieri a Roma, Merola ha addirittura rinunciato a parlare e ha deciso di tornare in città dove ha partecipato, insieme all'Arcivescovo Matteo Maria Zuppi, alla festa di fine Ramadan in via Pallavicini. 

"Doveva intervenire Merola, ma è dovuto tornare a Bologna per impegni istituzionali", ha annunciato dal palco il presidente del partito, Matteo Orfini.

Di certo non lascia spazio a interpretazioni la citazione sulle due città emiliane da parte del segretario PD (e premier) Matteo Renzi durante il suo intervento: "Ci sono 20 punti di distanza tra Bologna e Rimini, oltre che 100 chilometri". Del resto prima del ballottaggio Merola non aveva caldeggiato il ritorno a Bologna per sostenerlo, aveva firmato il referendum CGIL contro il 'Jobs Act' e all'indomani della vittoria aveva rivolto critiche alla gestione del partito centrale. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Direzione PD: Merola rinuncia a parlare e torna a Bologna

BolognaToday è in caricamento