Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Zingaretti apre la Festa dell'Unità: "Il candidato sindaco? Decidono i bolognesi" | VIDEO

Il segretario del Pd a Bologna per l'inaugurazione al Parco Nord. Sul referendum: "La maggioranza rispetti gli impegni presi"

 

"Il futuro candidato a sindaco di Bologna lo decidono i bolognesi, sia il nome sia come ci si arriva". Lo afferma il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, a Bologna per l'inaugurazione della Festa dell'Unità al Parco Nord. "Noi non siamo come le destre italiane, che hanno i tavolini a Roma e da Roma si spartiscono i posti su chi fa il sindaco o il presidente di Regione –dice Zingaretti –, il centrosinistra decide i candidati e le candidate nei territori, nelle forme e nei modi che i territori ritengono più opportuni. E i bolognesi decideranno la figura migliore nel modo migliore, senza alcuna influenza perché questo è anche il valore aggiunto che vogliamo portare come rinnovamento della cultura politica, non stanze chiuse dei partiti romani che catapultano metodi o nomi".

Zingaretti sul referendum: "Ora maggioranza rispetti impegni"

E sul referendum per il taglio dei parlamentari che sta dividendo il suo partito, il segretario nazionale ripone fiducia nella maggioranza: "Ora rispetti gli impegni presi", questo il monito di Zingaretti, che continua:"C'è un accordo che ha portato alla nascita di questo Governo – afferma –, che ha salvato l'Italia, che ha ricostruito una prospettiva politica in Europa, che per la prima volta consegnerà all'Italia oltre 200 miliardi di euro per creare lavoro e che prevedeva anche il taglio dei parlamentari".

"Noi siamo persone perbene, che hanno mantenuto gli impegni e ora tutta la maggioranza deve mantenerli. Quindi questa voglia, anche della nostra base, di costruire un processo riformatore per migliorare lo Stato e non accodarsi a pulsioni dell'antipolitica è corretto e giusto. Quando io ho un obiettivo politico che è quello di cambiare l'Italia, lo perseguo fino alla fine ed è quello che stiamo facendo", sottolinea il segretario.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento