Coronavirus, scuole: bimbi di ritorno dalla Cina sorvegliati speciali

Su segnalazione dei presidi, le famiglie di ogni nazionalità verranno contattate da un operatore Ausl. Coinvolte le scuole d'infanzia, fino alla secondaria di secondo grado

Saranno messe sotto sorveglianza con telefonate quotidiane per 14 giorni dalle Aziende sanitarie dell'Emilia-Romagna le famiglie "di ogni nazionalità" di ritorno dalle aree a rischio della Cina, come annunciato da Regione Emilia-Romagna e Ufficio scolastico regionale che hanno inviato oggi a tutti i dirigenti scolastici una nota congiunta per ribadire le indicazioni date dal ministero della Salute con la circolare dell'8 febbraio scorso sul coronavirus. 

In caso di necessità, gli operatori esperti potranno suggerire l'isolamento a casa dei bambini che frequentano le scuole, ovvero, si spiega nella nota firmata dal direttore dell'Usr, Stefano Versari, e dalla dirigente della Sanità in Regione, Licia Petropulacos, "i bambini che frequentano la scuola dell'infanzia e gli studenti fino alla secondaria di secondo grado, di ogni nazionalità, che nei 14 giorni precedenti l'arrivo in Italia siano stati nelle aree della Cina interessate dall'epidemia, sono sottoposti a sorveglianza attiva da parte del dipartimento di sanità pubblica dell'Ausl di riferimento, che proporrà altresì l'adozione della permanenza volontaria a domicilio fino al completamento del periodo di 14 giorni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bimbo cinese aggredito: i genitori non denunciano, Polizia cerca aggressori

Dovrà essere il preside della scuola a comunicare il rientro dei propri alunni dalla Cina all'azienda sanitaria del proprio territorio, che si occuperà della "presa in carico informando la famiglia, che verrà contattata da un operatore della Ausl per concordare le modalità di sorveglianza attiva quotidiana previste dalla circolare ministeriale e per proporre la sospensione della frequenza scolastica con permanenza fiduciaria al domicilio per un periodo di 14 giorni". La sorveglianza sarà fatta "telefonando quotidianamente per la valutazione dell'eventuale febbre e di altri sintomi che dovessero insorgere nei 14 giorni previsti". A conclusione del periodo, l'azienda sanitaria ne darà comunicazione alla scuola. (dire) 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

  • Coronavirus, aumentano i contagi in regione: + 71. Donini alle aziende: "Fate screening"

  • Incendio in via Sant'Isaia, morta una giovane donna

  • Coronavirus Emilia-Romagna: altri 47 casi, metà a Bologna e 11 sintomatici

  • Dimesso dall'ospedale, torna e aggredisce operatore con calci e pugni

Torna su
BolognaToday è in caricamento