menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dalla paura del covid al timore di non farcela: come cambiano le preoccupazioni dei bolognesi in fase 2

L'epidemia ha avuto "un impatto sulla salute mentale della popolazione", conferma dell'Ausl di Bologna

Dalla paura della malattia e dell'isolamento al timore di non farcela. Sono cambiate le preoccupazioni dei bolognesi nel passaggio dalla fase 1 alla fase 2.

L'epidemia ha avuto "un impatto sulla salute mentale della popolazione", conferma Angelo Fioritti, direttore del dipartimento di Salute mentale dell'Ausl di Bologna. All'inizio dell'emergenza, spiega Fioritti, nel corso di un dialogo in collegamento con l'ex premier Romano Prodi organizzato dall'istituzione Minguzzi della Città metropolitana di Bologna, "abbiamo istituito una linea telefonica con la popolazione" per il supporto psicologico. "Abbiamo ricevuto 450 chiamate in pochi giorni- spiega il direttore- e abbiamo avuto un sentore su cosa si muove nella salute mentale della nostra popolazione in generale, non di quella già in carico ai servizi". In un primo momento, riferisce Fioritti, dalle chiamate "abbiamo ricevuto richieste di aiuto soprattutto per un senso di solitudine, di isolamento e per la paura di ammalarsi". Nell'ultimo periodo, invece, le telefonate si concentrano di più su "problemi di carattere abitativo, lavorativo, economico e alla paura di non riuscire a farcela in questa situazione".

L'allarme viene confermato anche da Prodi. "Vedo un cambiamento molto forte nella stratificazione sociale- segnala l'ex premier- abbiamo categorie che perdono fortemente e abbiamo categorie che vengono meno danneggiate. Questo non depone a favore del problema della salute mentale". In particolare, Prodi sottolinea la "grande precarietà dei giovani, che da un lato si sentono non in pericolo nell'aspetto sanitario, ma molti vengono presi in pieno dalla crisi". Fino a poco tempo fa, spiega l'ex premier, "anche per i giovani che avevano un lavoro saltuario o flessibile, in qualche modo la società garantiva loro il futuro. Questo ora viene scardinato. In questo vedo non solo un problema economico sociale di chi non sa come vivere, ma anche un problema di chi vede scardinato il proprio futuro", afferma Prodi. (dire)

Leggi anche:

25 maggio, a  Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

Covid, il bollettino del 25 maggio: tutti i numeri di Bologna e provincia

Coronavirus, anche la Regione apre alle cure al plasma

Movida e rischio contagio, ordinanza a Calderara: stop all'alcool fuori dagli spazi

Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

Scuola, protesta sul Crescentone: "Bambini dimenticati, riaprire in sicurezza" | VIDEO

Spostamenti tra regioni e l'indice Rt: la situazione in Emilia Romagna e nel resto d’Italia

Coronavirus, come è cambiata la nostra vita quotidiana: partecipa al sondaggio

Assembramenti, 13 giovani denunciati: facevano una grigliata nel cortile condominiale

Centri diurni per persone con disabilità: ok alla riapertura, le linee guida

Il primo matrimonio post-lockdown celebrato a Palazzo D'Accursio: Sala Rossa Fulvio e Marisol

Test sierologico: come funziona, dalla prenotazione all'esito | VIDEO

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

L'Oroscopo di marzo segno per segno: ecco cosa prevedono gli astri

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento