Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dalla terapia alla passerella: le pazienti oncologiche modelle per una sera|VIDEO

La 'Sfilata del cuore' si terrà il 4 aprile a Villa Benni. Un evento promosso da Loto onlus per finanziare il progetto "Curate e coccolate"

 

Le dottoresse, le infermiere, ma soprattutto le pazienti in cura presso l'Oncologia Medica Addarii del Policlinico S.Orsola giovedì 4 aprile a Villa Benni si mettono in gioco e salgono in passerella per la 'Sfilata del cuore'. L'obiettivo è raccogliere fondi per il progetto "Curate e coccolate", promosso da Loto onlus, volto a migliorare il percorso clinico assistenziale del reparto con servizi e attività rivolte alle pazienti del day hospital. 

L'obiettivo è far partire un laboratorio estetico permanente per la cura di mani e piedi (parti del corpo che risultano molto segnate dalle terapie), in grado di fornire anche altri piccoli trattamenti alle pazienti, come massaggi al viso e al corpo per far sì che le pazienti in cura si sentano meglio, accolte e a proprio agio. Nel reparto di oncologia sono già tante le attività in corso e le coccole non mancano: tisane calde, musicoterapia, yoga, meditazione, copricapi e fasce realizzati a mano da volontarie amanti del cucito.

"Prendersi cura delle pazienti -afferma il direttore del reparto Claudio Zamagni - è molto importante perché salute non è solo assenza di malattia: stare bene con se stessi, prendendosi cura del proprio corpo, allegerendo la mente, può avere un buon effetto anche sull'efficacia della cura".

"I nuovi casi di tumore all'ovaio all'anno, nella nostra regione sono circa 450 - continua - purtroppo questo tipo di tumore viene diagnosticato molto spesso in fase avanzata, e quindi i tassi di mortalità sono ancora molto alti. Per questo motivo - prosegue - proprio perché si manifesta in modo subdolo, è molto importante l'impegno della ricerca sia sul fronte di diagnosi precoci che su quello di nuove terapie".

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento