Majorana, Flash Mob contro le lezioni pomeridiane

I giovani di Fratelli d'Italia organizzano un Flash Mob all'istituto Ettore Majorana per protestare contro le lezioni al pomeriggio, ripiego che la scuola ha dovuto mettere in atto per far fronte alla carenza di spazi.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

"Tutti si riempono la bocca di buone parole con la scuola ma poi nei fatti si arriva sempre in ritardo. Oltre ai deliri ministeriali dell'Azzolina, qui a Bologna dobbiamo sopportare la lentezza della Città Metropolitana targata Merola-Ruscigno. I genitori sono arrabbiati, ed hanno ragione." Così affermano i ragazzi di Gioventù Nazionale che si schierano a fianco dei genitori, i quali hanno anche creato un comitato in segno di protesta. "Il Majorana è da anni che ha un numero di spazi insufficienti - continuano i giovani del partito della Meloni - mancano ben 24 aule all'appello, e una amministrazione seria non si sarebbe accorta del problema solo una settimana prima dell'inizio dell'anno scolastico, ma avrebbe iniziato a lavorare già da Marzo, quando è iniziata la pandemia, per arrivare al 15 Settembre con 24 strutture in prefabbricato già pronte e a disposizione. A danno fatto, la nostra proposta è quella di continuare con una didattica mista dove si alternano presenza e on-line per lasciare liberi i pomeriggi che i ragazzi devono investire per attività extrascolastiche, studio e hobby."

Torna su
BolognaToday è in caricamento