Martedì, 21 Settembre 2021
Scuola

Lettera agli studenti di inizio anno: "Ormai il Covid fa parte delle nostre vite"

La missiva rivolta ai circa 117mila alunni di ogni ordine e grado della scuola statale sotto le Torri

Il Covid ormai è una "condizione strutturale del nostro vivere quotidiano". Lo riporta, nella consueta lettera a studenti, famiglie e docenti per l'inizio dell'anno scolastico, il vicedirettore dell'Usr regionale Bruno Di Palma, che si rivolge a una platea di circa 117mila alunni per la provincia di Bologna. Di Palma invita ad "andare oltre" e ad assumere una nuova prospettiva.

"Quante volte abbiamo pensato che il coronavirus fosse una 'finzione', qualcosa che sarebbe passato rapidamente in modo indolore, quasi irreale? Non ci abbiamo creduto, all'inizio, abbiamo atteso la sua scomparsa, ci siamo arrabbiati, abbiamo rifiutato, abbiamo gridato e... piano piano, stiamo metabolizzando che il Covid è divenuto una condizione strutturale del nostro vivere quotidiano. Oggi fa purtroppo parte delle nostre vite", scrive Di Palma.

"Non importa se andremo a scuola con la mascherina, se vivremo qualche complessità in più nell'arrivare a scuola, se dovremo mantenere il distanziamento, se apriremo le finestre per aerare le aule anche in pieno inverno. L'importante sarà ed è 'ri-trovarsi' a scuola, incontrarsi, intrecciare gli sguardi di condivisione con i compagni e vivere il nuovo anno scolastico come un nuovo viaggio".

L'Unibo riparte in presenza: "A breve un centro vaccinale dentro l'Università"

Questo, sottolinea ancora il dirigente Usr, "è il mio primo augurio alle studentesse, agli studenti ed alle loro, le nostre, famiglie: cerchiamo di stare uniti nell'afflato comune di vivere il rientro a scuola con emozione, con desiderio, con rinnovato stupore, non come qualcosa di assodato, ma come un diritto rinnovato".

Saranno circa 616.000 in regione (117mila a Bologna)  gli studenti e le studentesse che, a partire da lunedì faranno ritorno tra i banchi, con un lieve calo rispetto al passato anno scolastico (-0,5%). Gli studenti con handicap certificato saranno circa 19.996 (+4,0% rispetto allo scorso). Saranno 544.610 gli studenti delle scuole statali e circa 71.000 in quelle paritarie (la maggior parte di questi ultimi, circa il 70%, nelle scuole dell'infanzia). Le classi funzionanti in Emilia-Romagna saranno 25.021, di cui 8.790 nella scuola primaria. Su base provinciale, come lo scorso anno, Bologna detiene il record regionale per classi funzionanti, pari a 5.273 (1.912 nella scuola primaria). Seguono Modena con 4.277 e Reggio Emilia con 3.036. (Bil/ Dire)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lettera agli studenti di inizio anno: "Ormai il Covid fa parte delle nostre vite"

BolognaToday è in caricamento