Vaccini, 300 non in regola nei nidi e nelle scuole d'infanzia

Il messaggio, inviato via mail, invita le famiglie a verificare la situazione vaccinale dei propri bambini e bambine e a presentare, entro il prossimo 3 settembre

Sono poco più di 300 le famiglie con bambini iscritti ai nidi e alle materne comunali di Bologna non ancora in regola con i vaccini. A darne notizia è l'agenzia Dire. Il Comune di Bologna ha scritto a tutte le famiglie con bimbi iscritti ai nidi e alle scuole dell’infanzia comunali, che non risultano ancora in regola con gli adempimenti vaccinali necessari per la frequenza.

Il messaggio, inviato via mail, invita le famiglie a verificare la situazione vaccinale dei propri bambini e bambine e a presentare, entro il prossimo 3 settembre, la dichiarazione sostitutiva o la documentazione necessaria per provare l’effettuazione delle vaccinazioni obbligatorie e la presentazione della formale richiesta di vaccinazione all’Ausl competente o il relativo appuntamento già preso.

Per le situazioni di esonero, omissione e differimento delle vaccinazioni ricollegabili sostanzialmente a motivi di salute del bambino o ad avere già contratto determinate malattie è invece necessario presentare la certificazione e non è ammessa una dichiarazione sostitutiva.

Per presentare la dichiarazione sostitutiva si può compilare un modulo che si trova sul portale Scuole online del Comune di Bologna. Rimane sempre possibile consegnare la documentazione al proprio Quartiere di residenza, di persona o via mail allegando un documento di uno dei genitori o di chi esercita la responsabilità genitoriale.

L’Amministrazione comunale chiarisce, inoltre, che invierà una successiva comunicazione entro agosto a chi non dovesse dare risposta a questa prima comunicazione.

Con questa comunicazione l’Amministrazione comunale ha dato applicazione a quanto previsto dalla normativa vigente, sia nazionale che regionale. Qualora dovessero intervenire modifiche normative a livello nazionale se ne terrà conto, precisando fin da ora che per i nidi d’infanzia si dovrà comunque tenere conto della legge regionale. Ancora prima della norma nazionale, infatti, la legge regionale dell’Emilia-Romagna ha previsto l’idoneità vaccinale quale requisito per l’accesso e la frequenza ai nidi d’infanzia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

Torna su
BolognaToday è in caricamento