6 luglio, giornata mondiale del bacio: 4 romantici posti a Bologna

Baciarsi fa bene al cuore e all'organismo...dove andare in città per sorprendere il proprio partner

Il 6 luglio è la  Giornata Mondiale del Bacio, e in ogni parte del globo terrestre l'amore oggi la farà da padrone. Il World Kiss Day è nato nel Regno Unito, diffondendosi poi  ovunque intorno ai primi anni novanta. E baciare chi si ama fa bene allo spirito e alla salute...

Quanto fa bene baciarsi?

Baciare è un gesto d'amore naturale verso il proprio partner, e se da un lato fa bene al cuore, dall'altro aiuta anche l'organismo. E' un gesto che richiede l’impiego di 29 muscoli facciali, con un primo risultato consistente nel donare alla pelle del viso una maggiore tonicità. Può essere anche considerato a questo punto, una sorta di rimedio contro le rughe. Non solo, il bacio è anche efficace per le difese immunitarie: secondo quanto affermato nel 2014 dai ricercatori della Netherlands Organisation for Applied Scientific Research, un bacio di circa dieci secondi comporta lo scambio di circa 80 milioni batteri, presenti nella saliva. Ma non solo, baciarsi aiuterebbe a dimagrire , bruciando 6 calorie al minuto, e per molti è un'arma anche contro ansia e stress. 

Luoghi romantici dove baciarsi a Bologna

San Michele in Bosco

Uno dei punti più panoramici dei colli bolognesi: il suo sagrato costituisce uno splendido balcone sulla città e sulla pianura fino alla catena alpina, racchiudendo in un'unica veduta un panorama che va dalle antiche torri, ai profili delle cupole seicentesche fino alle più recenti costruzioni architettoniche della Fiera. Un luogo decisamente suggestivo e romantico in tutte le stagioni. E già che ci siete, ci sta bene anche una visita alla Chiesa di San Michele in Bosco è un imponente complesso architettonico comprendente la chiesa e l'adiacente ex-convento degli Olivetani, uno dei più grandiosi e ameni d'Italia. (Fonte Bologna Welcome).

Piazza Maggiore e Fontana del Nettuno 

Luci soffuse e atmosfera medievale, l'ombra del "Gigante", il nostro Nettuno fresco di restauro e tutta la magia dei portici e del Crescentone: quella "Piazza Grande" cantata da Lucio Dalla è perfetta per qualche momento di romanticismo e contemplazione. A San Valentino basta poco: la persona amata, una città magica e questa mappa romantica

La Finestrella sulla "Piccola Venezia" bolognese

Non può non essere menzionato fra i luoghi più adatti per scambiarsi un bacio: la prova del tasso di romanticismo di questo luogo è data dalla quantità di lucchetti posti qui a sigillo di un amore. E' la famosa "finestrella" di via Piella, che affaccia sul Canale delle Moline. Affacciandosi fra le case, si può vedere scorrere uno dei pochi tratti d'acqua che tra i primi del Novecento e il dopoguerra non fu ricoperto di asfalto. Il canale delle Moline è la prosecuzione del canale di Reno. Per buona parte del suo itinerario il canale delle Moline è rinchiuso tra le case, come si vede dalla Finestrella, e per questo in passato è rimasto a lungo nascosto alla vista. Di recente sono stati riaperti gli affacci sui ponti delle vie Oberdan e Malcontenti, che si affiancano alla suggestiva finestrella di via Piella. (fonte Bologna Welcome) 

San Luca

Un grande classico, ma intramontabile. Le oltre 600 arcate del portico, unico al mondo per la sua lunghezza di quasi quattro chilometri, collegano il santuario alla città: sia il tragitto che la meta sono senza dubbio molto, molto romantici. L'avvio del percorso in salita è enfatizzato lungo via Saragozza dall'Arco del Meloncello, progettato dal Dotti con probabile intervento dello scenografo Francesco Bibiena. Questa edicola dalla planimetria curvilinea che ricorre all'uso della colonna libera rappresenta, insieme allo spazio antistante alla basilica, l'unico spazio barocco esterno presente in città. A partire dal 7 aprile 2017 è possibile accedere al terrazzino panoramico del Santuario di San Luca mediante i circa 100 gradini delle antiche scale a chiocciola che portano fino al sottotetto. Da lì, da un'altezza circa di 42 metri sul livello del Colle della Guardia (300 mt sul livello del mare), si può ammirare una veduta unica di Bologna, a 180 gradi, dai colli, fino al centro, fino a Casalecchio di Reno. (fonte Bologna Welcome).

Aperitivo all'aperto? 4 imperdibili posti sui colli

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Incidente a Casalecchio: pedone investito all'incrocio

  • Terremoto Toscana: riaperto traffico treni AV e regionali, ci sono ritardi

  • Morti in incidenti stradali: Bologna la più colpita, diventa obbligatorio l'alcol-lock

  • Scossa di terremoto nella notte, avvertita anche nell'Appennino bolognese

Torna su
BolognaToday è in caricamento