Ozzano: nonna Augusta compie 104 anni

Ai festeggiamenti hanno preso parte figli, nipoti, pronipoti, amici e i sindaci di Ozzano e Castel San Pietro

Un momento dei festeggiamenti

Ha soffiato 104 candeline circondata dall'affetto di amici e parenti. Augusta Magaroli, nel giorno del suo compleanno ha ricevuto anche la visita del sindaco Luca Lelli e del collega di Castel San Peitro Terme, Fausto Tinti: "Ben 104 anni sono un traguardo ammirevole da raggiungere - hanno spiegato i due primi cittadini - e riuscire ad arrivarci in salute e con la mente lucida come la signora Augusta merita sicuramente la grande festa che le ha preparato Villa Margherita, la casa di riposo di Castel San Pietro Terme dove la signora risiede da qualche mese".

 Augusta è nata a Castel San Pietro dell'Emilia (all'epoca si chiamava cosiì) il 7 ottobre 1915 da una famiglia contadina, lavoro, quello nei campi, che Augusta intraprende fin da ragazzina, e che proseguirà per tutta la vita fino alla pensione.

Nel 1936 si è sposata a Ozzano dell'Emilia con Naldi Vittorio,  e dal matrimonio sono nati Dino, Adelmo, Doriano e Anna. Dal 1972  ha sempre abitato a Ozzano,  fino a qualche mese fa quando, in accordo con i figli, ha scelto di andare nella casa di riposo Villa Margherita , dove trascorrere in allegria le giornate giocando a carte, e facendo alcuni lavoretti manuali in compagnia degli altri ospiti della struttura.

Ieri pomeriggio, contornata da tutti gli ospiti di Villa Margherita, dai figli, nipoti e dall'ultimo arrivato, il tris nipote Arturo di pochi mesi, ha soffiato sulle 104 candeline!

Tantissimi auguri!

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto a fuoco, morta giovane donna e Porrettana chiusa al traffico per ora

  • Non solo massaggi al centro estetico: blitz dei Carabinieri a Pianoro

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • Maxi furto al bar: si finge acquirente e ruba 200mila euro di diamanti

  • Incidente sulla Statale: schianto tra auto, morta una donna

  • Morto in solitudine, gli amici si mobilitano per trovare i parenti: "Ivan se lo meritava"

Torna su
BolognaToday è in caricamento