Bologna non ha il mare, ma qui vive una balena bianca: ecco la sua storia curiosa

Storia&Curiosità. E' impossibile non notare l'imponente cetaceo lungo ben nove metri. Ecco dove si trova

La balena / Foto biblioteca.salaborsa

Cosa ci fa una balena bianca in mezzo a un prato verde? E soprattutto così lontano dal mare?

Una storia lunga, riportata 'a galla' grazie al ritrovamento di alcuni resti in  Val Zena: dove un tempo c'era acqua e non colline. Da quì è nata l'opera degli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, coordinati dallo scultore Davide Rivalta, raffigurante un’antichissima balena di 9 metri.

La storia

In località Gorgognano nel 1965, sul versante idrografico sinistro della valle del torrente Zena, a pochi chilometri da Pianoro, ad est dell’antica via della Futa, un contadino  trovò i resti di una Balaenoptera Aucutorostrata, risalente al Pliocene, tra i 2 e i 5 milioni di anni fa.

Il cetaceo preistorico era andato probabilmente a spiaggiarsi sul bagnasciuga di quello che era allora il Bacino Intrappenninico bolognese e il suo corpo, grazie a bassi fondali, era stato risparmiato dagli attacchi dei predatori.

A seguito dell’intervento di recupero e consolidamento operato all’epoca dal personale dell’Istituto di Geologia e Paleontologia dell’Università di Bologna, i resti fossili, quasi completi, della balena, sono oggi conservati e visibili presso il Museo Geologico “Giovanni Capellini”, a Bologna.

La balena si trova in via Gorgognano 9, a Pianoro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cinque siti archeologici a Bologna: un tour tra storia e arte

La val di Zena

E' una piccola vallata attraversata dal torrente Zena, che nasce  a Loiano e termina  a San Lazzaro di Savena, in località Pizzocalvo. Un luogo dove la natura è protagonista, data anche dalla presenza non ingombrante dell'agricoltura e la quasi totale assenza di attività produttive e cave di estrazione. Il Parco dei Gessi Bolognesi e dei Calanchi dell'Abbadessa ha sede in Val di Zena, a ridosso delle grotte del Farneto, punto di incrocio fra Parco e Valle.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • L'oroscopo di agosto segno per segno: ecco cosa dicono le stelle

  • Da Budrio a "Mister Italia 2020": Ruben Ganzerli tra i trentadue finalisti

  • Le 10 mostre di agosto da non perdere a Bologna

  • Temporale improvviso nel gran caldo, alberi caduti e allagamenti

  • Alto Reno, fiume invaso da fango e morìa di pesci: "Una vergogna, c'è una valanga di acqua putrida. Stiamo cercando di capire cosa sia successo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento