La storia del Carnevale bolognese e la maschera di Balanzone

Una grande festa che affonda le radici nel 1953...

Balanzone / Foto Bolognawelcome

Il Carnevale a Bologna affonda le radici nel 1953, il cardinale Giacomo Lercaro istituì il Carnevale dei bambini: la manifestazione che doveva tenersi il martedì grasso e la domenica precedente al martedì grass

La festa di Carnevale è una lunga tradizione, che si ripete di anno in anno per il le strade del centro della città. Adulti e sopratutto bambini si travestono, per trascorrere qualche ora in allegria, e prendere parte alla sfilata che attira sempre centinaia di persone, e anche quest'anno il percorso sarà da piazza VIII Agosto fino a San Petronio, facendo tappa davanti la fontana del Nettuno. Una giornata che ha sempre visto sfilare tanti carri allegorici, ma quest'anno, per motivi di sicurezza, i carri saranno tre o quattro.

La maschera Balanzone

La maschera più celebre dell'Emilia Romagna è quella bolognese del dottor Balanzone, che ha preso forma sul palco della Commedia dell'arte: un professore saccente e presuntuoso.  Viene anche chiamato 'Graziano' o solo 'Dottore' perchè  si tratta di un dottore in Legge. Una sorta di caricatura  del dotto e tronfio leguleio bolognese. Lo stesso nome lo dimostra, perché Balanzone è la trasformazione dialettale di bilancione, cioè bilancia, il simbolo della Legge.

Si tratta di un uomo che veste sempre di nome e con una pancia molto vistosa. Ama gesticolar, ha grossi baffi e  indossa una piccola maschera che ricopre le sopracciglia e il naso. Classico il vestito, toga nera, colletto e polsini bianchi, gran cappello, giacca e mantello. Ama fare lunghi discorsi spesso sensa senso, vantarsi dei suoi titoli ma goda di molta stima tra le maschere. Non nega mai il suo aiuto, ma spesso parla ed alergisce pareri di nessun valore... Una maschera che può essere considerata tra le protagoniste della Commedia dell'arte, che non delude mai...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dad e rendimento scolastico, il prof del Fermi: "E' dura, ma i vincenti trovano la via e non le scuse"

Torna su
BolognaToday è in caricamento