Disordini in Cile, anche Gary Medel sposa le cause delle proteste

Diversi giocatori cileni hanno epresso la loro opinione su quanto sta accadendo oltreoceano

Il centrocampista Gary 'pitbull' Medel (Foto: Bologna Fc)

"Per una guerra sono necessarie due bande, qui siamo un solo popolo e un solo Paese che vogliono crescere e andare avanti nell’uguaglianza. Non vogliamo più violenza. Per questo abbiamo bisogno che le autorità dicano che cambieranno per risolvere i problemi sociali. Parlano di crimini e non di soluzioni di fondo al problema”.

E' il messaggio di Gary Medel, 32 anni, attualmente centrocampista in forze al Bologna e cittadino cileno. Il 'pitbull' non è l'unico giocatore e volto noto cileno che si esprime in solidarietà con i motivi che hanno spinto alle forti proteste contro i rincari del paese andino, proteste iniziate per un piccolo rincaro della metro di Santiago, ma rapidamente diventati la manifestazione -anche violenta- di un disagio che cova nel paese da tempo. Il Cile ha infatti conosciuto uno sviluppo economico sostenuto, ma attualmente lo stipendio medio si aggira intorno ai 400 euro al mese.

Para una guerra se necesitan 2 bandos y acá somos un solo pueblo y un solo país que quiere crecer y avanzar con igualdad 🇨🇱🇨🇱🇨🇱. No queremos más violencia ni desmanes. Para eso necesitamos que las autoridades digan que van a cambiar para resolver los problemas sociales. Nos hablan de delitos, y no de soluciones al problema de fondo, cuando gran parte del país se manifiesta de manera pacífica. 🤷‍♂️🤷‍♂️🤷‍♂️ #chiledesperto #nomasabusos #nomasdelincuencia #todosunidos

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un post condiviso da Gary Medel (@gary_medel17) in data:

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bufera social, Cremonini sulla colf: "L'ho chiamata Emilia, se pago posso cambiare il nome"

  • Covid, focolaio magazzino Bartolini. Ausl: "200 sotto sorveglianza, 64 positivi e 2 ricoveri"

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Nuova ordinanza di Bonaccini: posti a sedere su bus e treni occupati al 100%

  • Coronavirus Emilia-Romagna, il bollettino del 25 giugno: picco contagi per Bologna

  • Positivi due lavoratori di una pizzeria a Casalecchio, la scoperta dopo una rissa: tamponi a tappeto e controlli

Torna su
BolognaToday è in caricamento