Saldi: la guida 'anti-bidone' quando si è in cerca di affari

Attenzione a cosa acquistate: ci sono regolamenti ben precisi quando si tratta di vendite con i saldi

E' tempo di saldi e caccia all'ultimo affare. In tutta la città sulle vetrine campeggiano manifesti di super sconti e capi o prodotti scontantissimi, ma come capire che si tratta di un vero affare e non di un 'bidone'?

Utili consigli arrivano dall'Unc-Unione nazionale consumatori, che sul propropio sito ha pubblicato un decalogo per evitare 'truffe' al consumatore.

Vediamo insieme a cosa prestare attenzione:

Prodotti difettosi

Durante i saldi i negozi sono presi d'assalto e spesso, anche misurando, non si riescono a notare subito dei difetti, per questo è sempre bene conservare lo scontrino, perché non è vero che i capi in saldo non si possono cambiare. Valgono le regole di sempre. Il negoziante è obbligato a sostituire l’articolo difettoso. 

Fondi di magazzino

Diffidate dai fondi di magazzino, perché le vendite  devono essere realmente di fine stagione: la merce messa in saldo deve essere l’avanzo della stagione che sta finendo.

I prezzi

Importante prima di acquistare qualsiasi cosa è avere un'idea sui prezzi, quindi mai fermarsi al primo negozio. Buona abitudine è uscire qualche giorno prima dei saldi e vedere i prezzi di ciò che vorremmo acquistare con lo sconto, in modo da sapere se realmente è stato applicato un ribasso.

Consigli

Non uscire mai senza un'idea di cosa comprare, altrimenti si rischia di prendere cosa alla rinfusa e non averne bisogno. Guardate sempre l'etichetta, pagare un prezzo non alto non implica comprare un prodotto di scarsa qualità.

Prova dei capi

Non c'è obbligo di provare i capi d'abbigliamento, ma il negoziante non può vietarne la prova.

Fonte consumatori.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

  • Coronavirus Emilia-Romagna: +2723 contagi, 47 morti (25 a Bologna)

Torna su
BolognaToday è in caricamento