Coronavirus: a Monzuno l'informazione viaggia a bordo della storica 'Carmelina'

Nella frazione di Vado, un’attività chiusa al pubblico, per l’emergenza si è messa a disposizione per creare mascherine protettive colorate di stoffa

'Carmelina', l'auto utilizzata dalla Protezione Civile

A mali estremi, estremi rimedi. E così è diventata una vera star la vecchia Fiat Panda “Carmelina”, che i volontari della Protezione Civile di Monzuno hanno rimesso in moto per invitare i cittadini a restare a casa. Nell’era dei social network e della comunicazione digitale ci possono essere persone, principalmente anziani soli, che nelle loro abitazioni non sanno esattamente quello che sta accadendo e non conoscono i servizi messi a loro disposizione.

I giovani della Protezione Civile hanno pensato si rimettere su strada Carmelina, una Fiat Panda un po’ meno giovane che, attrezzata di altoparlante, fa il giro del paese e delle frazioni. "Ci sono oltre 40 volontari che in questi giorni ci stanno aiutando su diversi fronti - commenta l’assessora comunale alle Attività produttive, associazioni e volontariato Morena Ricò  - stiamo girando in tutto il territorio,anche nei posti più lontani, per avvisare coloro che non hanno connessioni web, di rimanere in casa e uscire solo per comprovate ragioni di necessità. Le richieste di consegne a domicilio per farmaci e beni di prima necessità aumentano tutti i giorni, significa che l’invito a rimanere presso la propria abitazione sta funzionando".

Il servizio dei volontari non si limita a questo: da subito infatti si sono attivati per consegnare a domicilio farmaci e beni di prima necessità dando la priorità alle persone più fragili, anziani e disabili, ma aiutando in generale tutti ogni volta che fosse possibile. Non va dimenticato infatti che se nelle grandi città è possibile fare “la spesa sotto casa”, magari rinunciano a qualcosa, nei comuni di montagna spesso le abitazioni più isolate possono trovarsi a svariati chilometri di distanza dal più vicino negozio di alimentari.

Altre iniziative stanno caratterizzando poi la voglia di superare insieme da questa emergenza, come una donazione di 500 euro fatta all’ospedale di Sant’Orsola dai Vigili del Fuoco Volontari di Monzuno, mentre nella frazione di Vado un’attività chiusa al pubblico per l’emergenza si è messa a disposizione per creare mascherine protettive colorate, di stoffa. Si tratta di mascherine artigianali che come sappiamo non proteggono dal contagio, ma in alcuni casi possono limitarne la circolazione, se indossate per esempio da persone positive asintomatiche che potrebbero diffondere il virus inconsapevolmente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le mascherine colorate di stoffa hanno un costo irrisorio e l’intero ricavato verrà devoluto alla Pubblica Assistenza di Vado.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, tre ragazzi positivi nei licei di Bologna: controlli su 90 tra studenti e professori

  • Maltempo a Bologna e provincia: persone intrappolate dall'acqua, allagato anche l'asse attrezzato

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

  • Due locali di Bologna tra le '20 Migliori Pizze in Viaggio in Italia'

  • Covid, tre positivi in due istituti scolastici di Bologna. Una classe del Liceo Righi in quarantena

  • Dolci e leccornie: 5 imperdibili pasticcerie a Bologna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento