Coronavirus: parte la raccolta fondi per l'Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna

A lanciare la campagna l'Associazione Bimbo Tu. Il Bellaria sarà il primo ospedale COVID-19 dell'area bolognese

L'Associazione Bimbo Tu Onlus lancia una raccolta fondi dell'ISNB – Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna, impegnato in prima linea nella lotta al Coronavirus insieme a tutto l’Ospedale Bellaria, che con 13 letti di terapia intensiva e altri 16 pronti entro una settimana, sarà il primo ospedale COVID-19 dell'area bolognese.

Per dare il proprio contributo è possibile collegarsi alla piattaforma Gofundme , oppureeffettuare un bonifico bancario:
 
Conto corrente intestato a: ASSOCIAZIONE BIMBO TU ONLUS
IBAN: IT15K 08883 37070 01300 01311 73
Causale: EMERGENZA
 
“Da oltre 10 anni Bimbo Tu opera quotidianamente all'interno del Bellaria, supportando i piccoli pazienti e le loro famiglie, condividendo la propria mission con i professionisti coinvolti. In questi anni di attività sono nate collaborazioni ma anche rapporti di amicizia e stima - spiega il presidente dell'associazione, Alessandro Arcidiacono -  Per questo sentiamo la necessità di dare una mano ed essere di sostegno, con questa raccolta fondi, a medici, infermieri e operatori sanitari dell’Ospedale Bellaria che in questo momento stanno dando il massimo per contrastare l’emergenza Coronavirus”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

Torna su
BolognaToday è in caricamento