FOTONOTIZIA. Erasmus: "Grazie per il miglior anno della nostra vita". Il tweet di Enrico Letta

L'ex presidente del consiglio in un twitt che ritrae la scritta sulla colonna di un portico bolognese

"Grazie per il milgior anno della nostra vita, Erasmus 19/20". Così ha scritto su un muro uno studente o una studentessa di lingua spagnola. 

L'ex presidente del consiglio Enrico Letta lo specifica chiaramente nel suo twitt che ritrae la scritta sulla colonna del portico bolognese: "Sì, lo so che non si deve scrivere sui muri", ma aggiunge "Che bello! Che gioia di vivere! Tutto ciò di cui abbiamo tanto bisogno". 

Studenti in Erasmus: Unibo numero più alto tra gli atenei europei, ora l'accordo con le università africane

Letta, vicepresidente del PD durante la tenenza Bersani e presidente del consiglio per poco meno di un anno, dal 28 aprile 2013 al 22 febbraio 2014, ha lasciato l'Italia (e la politica) per trasferirsi a Parigi, dove ha insegnato alla grande école Sciences Po Paris, ha diretto la Scuola di affari internazionali dell'Istituto di studi politici parigino. Ha insegnato anche all'Università della Tecnologia di Sydney e alla Scuola di Politica e Strategia Globali dell'Università della California. 

Tre anni fa è entrato a far parte del nuovo Comitè Action Publique 2022,  commissione per la riforma dello Stato e della Pubblica Amministrazione in Francia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

Torna su
BolognaToday è in caricamento