menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Guida Bar d’Italia 2021 di Gambero Rosso: due bolognesi premiati 

Due bolognesi tra i 39 bar italiani hanno ricevuto il riconoscimento

Giunta alla 21esima edizione, la guida Bar d’Italia di Gambero Rosso, in collaborazione con Illy,  ha scelto 39 bar italiani cui assegnare tre tazzine e i tre chicchi. Tra le eccellenze, due locali nostrani: i bar pasticceria Gino Fabbri di via Cadriano e Dolce Salato di via Garganelli a Pianoro. 

Il massimo punteggio assegnato dalla giuria tiene conto della qualità del caffè e dell’offerta complessiva. 
"Tra le altre tendenze l’importanza del food, non più solo come corollario alla bevuta ma come parte integrante dell’esperienza - scrive Gambero Rosso - e se per i cocktail bar d’albergo questo era un valore già presente che spesso può sfruttare il dialogo con ristoranti prestigiosi presenti all’interno degli hotel, sono sempre più numerosi i locali con una cucina curata e pensata anche per l’abbinamento al drink, ponendosi anche come interessanti destinazioni gastronomiche - inoltre - si conferma per tutto il comparto l’attenzione sempre più alta alla sostenibilità ambientale, sia nell’ambiente che nell’utilizzo di materiali plastic free e compostabili nei contenitori per il consumo e il trasporto di cibi e bevande".

In Emilia-Romagna sono stati premiati anche Staccoli Caffè di Cattolica (RN), Bar Roma di Novellara (RE) e Nuova Pasticceria Lady di San Secondo Parmense (PR). 

Ma anche Gamero Rosso fa i conti con "quest’anno così particolare", quindi "è stata fatta una scelta diversa. Gambero Rosso e illycaffè hanno pensato per Bar d’Italia 2021 a un’edizione speciale del premio, fortemente legata all’attuale congiuntura. Un premio riservato a chi, fatte salve qualità del prodotto e del servizio, ha dato prova di particolare resilienza. Per selezionare la rosa dei nominativi abbiamo coinvolto un parterre d’eccezione, grandi professionisti dell’eccellenza, alcune delle nostre punte di diamante e gli esercizi che sono stati premiati una o più volte come Bar dell’anno. Nessuno meglio di loro, che sta ogni giorno sul campo e tocca con mano la realtà delle cose, poteva avere le carte in regola e la sensibilità per indicare i nominativi giusti. Con un bellissimo gioco di squadra sono state scelte tre insegne: tre storie diversissime tra loro (due al Nord, in regioni particolarmente colpite dal Covid-19 e una al Sud), ma tutte fortemente simboliche".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fagottini di mortadella caprino, miele e pistacchio

social

Tortelli di Canevale: la ricetta dello chef Stefano Barbato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento