Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

Ospite della nota trasmissione 'Verissimo', il celebre cantante ha ripercorso un momento buio della sua vita

Gianni Morandi a Monghidoro (foto archivio)

Il cantante Gianni Morandi, bolognese doc, amato da tutta Italia e forte di una carriera pluridecennale e tante soddisfazioni, professionali e personali, ha raccontato un momento difficile della sua vita privata.

Osptite della trasmissione 'Verissimo', alla conduttrice Silvia Toffanin ha spiegato il dolore per la perdita di sua figlia Serena, morta dopo nove ore dalla nascita. 

Era il 1967, quando il cantante era all'apice del successo e al suo fianco c'era la prima moglie, Laura Efrikian, e in quel periodo gli arrivò la famosa "cartolina rosa" che lo chiamava a fare il servizio militare.

Gianni Morandi ricorda la morte della figlia poche ore dopo la nascita

"Non era un momento bellissimo. Era nata una bambina, la mia prima figlia, che poi morì subito dopo la nascita. Mi avevano rimandato la naja perché era appena nata la bambina - ha spiegato Morandi - Poi, quando morì, mi arrivò subito di nuovo la cartolina e a quel punto dovetti partire. 'Siccome non sei più padre, devi venire a fare il militare'. Era la regola. Quella sera lì non fu una bella sera ma è passato anche quel periodo".

Un racconto doloroso ma composto, così come è sempre stato Gianni Morandi, che ha commosso anche la conduttrice, facendo calare per qualche istante un silenzio assordante nello studio di Verissimo.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo: allagamenti e smottamenti, fiumi esondati e oltre 300 persone evacuate

  • Maltempo: massimi livelli di allerta a Budrio, Castel Maggiore e Malalbergo, salvata coppia

  • I Mercatini di Natale a Bologna: il calendario 2019

  • In Piazza Maggiore migliaia di Sardine vs Lega | FOTO e VIDEO

  • Truffa dei bancomat, continua il raggiro del 'finto accredito'

  • Pizza Awards: anche una bolognese premiata agli Oscar della pizza

Torna su
BolognaToday è in caricamento