Halloween: perché si festeggia?

Le origini di questa festa affondano le radici nel mondo anglosassone

Una zucca e delle candele per Halloween / Foto Pixabay

Il 31 ottobre è la notte di Halloween: una festa che proviene dal mondo anglosassone ma che ormai è festeggiata in mezzo mondo. Ma perchè si festeggia? Cosa indica esattamente questa notte?

E' bene sapere che il primo novembre era considerata la fine della stagione estiva, il tempo del ritorno delle greggi dai pascoli e il rinnovo delle coltivazioni: i celti nell'antica Gran Bretagna e Irlanda celebravano in questa data la festa di Samhain. La festa era anche un momento di contemplazione. Per i Celti morire con onore, vivere nella memoria della tribù ed essere ricordati nella grande festa che si sarebbe svolta la vigilia di Samhain era una cosa molto importante: questo era il periodo più magico dell'anno, il giorno che non esisteva. Durante la notte la credenza voleva che si eliminassero le barriere fra i mondi e permettendo alle forze del caos di invadere i reami dell'ordine ed al mondo dei morti di entrare in contatto con quello dei vivi.

Era quindi considerato il tempo in cui le anime dei morti tornavano a far visita le proprie case e le proprie famiglie. E i celti per l'occasione andavano in giro casa per casa a chiedere piccoli doni in forma di cibo e dolciumi per onorare i morti.

Col tempo la tradizione crebbe e crebbe anche la superstizione che l'accompagnava: la popolazione iniziò ad accendere fuochi sulle colline e appendere lanterne ricavate da rape.

 Halloween viene oggi celebrata il 31 ottobre ed è vista un po' ovunque una festa laica. Ma vi è anche un risvolto cristiano. Con papa Bonifacio IV il cristianesimo stabiliì il giorno di Tutti i Santi che, celebrato originariamente il 13 maggio, venne gradualmente spostato al primo novembre. La società pagana si era fatta ormai cristiana. E dunque la vecchia festa di Samhain, una celebrazione pagana, venne trasformata nell`occasione per celebrare le vite dei santi cristiani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

Torna su
BolognaToday è in caricamento