Segnalazioni Imola

Imola, polpette letali destinate ai cani nel cortile del condominio

Chiodi ben nascosti nei bocconcini di carne: la denuncia da una donna imolese che ha rischiato di vedere la sua cagnolina mangiare una polpetta potenzialmente letale

Una polpetta con al suo interno, ben occultato, un chiodo: era destinata evidentemente a un cane ed è stata trovata nella corte interna di un condominio a pochi passi dal centro di Imola. A trovarla la cagnolina di una residente, che fortunatamente è stata seguita e fermata prima che fosse troppo tardi e che ingerisse il pericoloso boccone: "E' l'unico cane che vive qui e nessuno si è mai lamentato di lei. Non riusciamo a capire".  

Imola in realtà non è nuova a episodi analoghi: a gennaio nell'area sgambatura cani del parco di via della Resistenza, che è stata poi chiusa per l'incolumità degli animali, erano stati trovati dei bocconi avvelenati e non era la prima volta. A riguardo si era espresso anche il segretario della Lega Nord sezione imolese Marco Casalini: "Purtroppo i fatti di questo tipo si ripetono e si intensificano. Chiediamo a tutti gli imolesi di segnalare alle forze dell'ordine ogni persona con atteggiamenti sospetti". Solo 15 giorni dopo, ecco altri bocconi sospetti, sempre a Imola: questa volta nel parco di via Molino Vecchio

A raccontare la vicenda C.E., la padrona della cagnetta: "Domenica  scorsa verso le 21, mio marito ed io siamo rientrati insieme alla nostra cagnolina dopo aver passato qualche ora fuori. Era già buio, e quando abbiamo chiuso il cancello dal quale si accede alla corte interna, le abbiamo tolto il guinzaglio. Lei si è diretta verso la porta di casa, ma si è fermata circa un metro e mezzo prima perché di fianco ad un tombino ha trovato una questa 'cosa' e ha cominciato ad annusarla".

"Le abbiamo detto di lasciar stare, però non eravamo preoccupati, pensavamo fosse un sasso. Ho fatto per spostarlo con il piede e mi sono resa conto che era morbido. Allora mio marito ha acceso la torcia nel cellulare e con un fazzoletto l'ha preso, e l'ha pressato tra le dita e lì abbiamo visto il chiodo. L'abbiamo portato dentro casa e abbiamo visto che si trattava di una "polpetta". Abbiamo scattato qualche foto e poi abbiamo deciso di buttarla".

UN CONDOMINO INFASTIDITO? "Sono stata dall'amministratore per informarlo e per sapere se qualcuno aveva mai avanzato delle lamentele riguardo alla cagnolina; lui era sinceramente allibito e mi ha rassicurato che mai nessuno in tre anni ha mai detto nulla al riguardo. Ho chiesto anche ad una ragazza che lavora in un ufficio che c'è nel condominio, ed anche lei mi ha detto che sembra quasi che la cagnolina non ci sia, non la sentono mai". 

"Ora, è vero che il cancello che divide la corte dalla strada è a sbarre e quindi si può lanciare qualcosa dentro, ma sembra un po' improbabile perché avrebbero dovuto effettuare un tiro decisamente abile. Per il resto, oltre alle finestre dei condomini, che hanno accesso alla corte per via del parcheggio delle bici, ci sono altre quattro finestre che affacciano sulla corte che purtroppo non possiamo sapere di chi sono perché fanno parte di un altro condominio. Ieri mattina ho fatto denuncia ai Carabinieri, che hanno scritto sul verbale che si è trattato di un gesto rivolto ovviamente solo alla mia cagnolina dato che è l'unica che vive qui". 

Cosa direbbe all'autore di questo terribile gesto? "Spero che capisca quanto è orribile ciò che ha cercato di fare. Al giorno d'oggi ancora troppa gente considera i cani come esseri inferiori e si sente in diritto di poter fare loro del male come se fossero semplici oggetti che puoi rompere o buttare via. Perdere la mia cagnolina avrebbe provocato in me un dolore enorme, avrei perso una parte di me".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imola, polpette letali destinate ai cani nel cortile del condominio
BolognaToday è in caricamento