menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Truffa dello specchietto: "Attenzione a una Polo scura con la targa coperta"

Lei non ci è cascata e lo ha rivisto in zona, probabilmente in cerca di nuove vittime: "L'auto è una Polo scura con uno straccetto che copre la targa, è lo stesso che ha tentato di truffarmi"

Gira da circa una settimana in zona via Marco Polo-Beverara-Darwin un uomo, a bordo della sua auto, che ha già tentato di estorcere del denaro a una donna con la truffa dello specchietto rotto. A lanciare l'allarme è una lettrice che lo scorso venerdì non è cascata nel tranello e che ha poi rivisto esattamente nelle medesime strade quella stessa Volkswagen Polo con la targa celata da uno straccio.  

"Stavo percorrendo in auto via Darwin seguendo un furgone che doveva farmi una consegna - il racconto della donna che ha subito il tentativo di truffa - Il camioncino si è fermato a metà di via Darwin sulla destra e io mi stavo per affiancare a lui per farmi riconoscere quando una Polo scura (era blu o forse nera) ha tentato un sorpasso impossibile, data la larghezza della strada, sulla destra".

Stessa tecnica in via Firenze: "Non ci sono cascata"

"Ho sentito un rumore di urto, ma lieve. Mi sono comunque fermata più avanti e ha fatto lo stesso la persona che era alla guida della Polo. Mi ha fatto vedere che lo specchietto era incrinato, gli ho proposto di compilare i moduli dell’assicurazione, ha rifiutato e mi ha detto che chiamava il carrozziere. Ha fatto una (finta?) telefonata dalla quale è emersa la cifra di 180 euro più Iva. Allora io ho ritirato fuori la proposta di fare la constatazione e lui mi ha detto che doveva partire: facciamo 150!”.

"Il personaggio” in questione non è mai sceso dall’auto"

"Io gli ho detto che avrebbe dovuto darmi nome cognome, numero di telefono e targa del veicolo. A questo punto ha abbassato la richiesta a 100 euro. Io sono andata verso la mia auto, ho preso una penna e un foglio di carta, sono tornata da lui e gli ho detto che mi sarei segnata la targa dell'auto. A questo punto è partito sparato...e’ scappato insomma. Ho visto che la targa posteriore era completamente coperta con uno straccio nero".

A distanza di giorni la nostra lettrice lo ha rivisto sempre in zona e vuole allertare le possibili vittime: "Attenzione, è in cerca di galline da spennare". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Come trasformare una finestra in un piccolo balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento