menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Pixabay

Foto Pixabay

Tempura di verdure: la ricetta di Chef Rubio

La tempura, famoso piatto della cucina giapponese, con questa ricetta viene preparato con una tecnica di frittura speciale e super croccante

La tempura, piatto della cucina giapponese, viene preparato con una tecnica di frittura speciale super croccante. Seguiamo la ricetta di Chef Rubio, al secolo Gabriele Rubini, cuoco con un passato da rugbista.

Tempo di preparazione

20 minuti

Tempo di cottura

5 minuti

Ingredienti

  • 2 Zucchine
  • 1 Peperone Giallo
  • 1 Peperone Rosso
  • 2 Carote
  • 8 foglie di Salvia
  • 8 fiori di zucca
  • 500 gr Farina di Riso
  • 1 Litro acqua gassata (freddissima)
  • 150 gr miele di Acacia
  • 150 gr Aceto di mele
  • Sale quanto basta
  • Olio di semi di arachide per frittura

Procedimento

1) Pulire e mondare le verdure, tagliarle poi a rondelle larghe ½ cm. Conservarle in frigo in maniera da mantenerle ben fredde.

2) Unire la farina di riso e l’acqua gassata e mischiare velocemente fino a ottenere un composto abbastanza omogeneo, anche se rimangono dei piccoli grumi non sarà un problema. Conservare in frigo fino al momento di friggere.

3) Mischiare il miele e l’aceto di mele fino a che i due ingredienti non si saranno ben miscelati tra loro.

4) Quando l’olio sarà ben caldo (fate la prova con una goccia di pastella), immergere un po’ alla volta le verdure nella tempura e poi nell’olio fino a che non si sia creata una tempura leggermente dorata e croccante.

5) Togliere dall’olio e lasciare asciugare su della carta assorbente, salare e servire ben calde. Provate ad assaggiare le verdure insieme all’intingolo di miele e aceto.

Consigli dello chef

La croccantezza della Tempura dipenderà molto dallo shock termico che riceverà nel momento della frittura, per questo verdure e pastella è consigliabile siano molto fredde.

Non immergete nell’olio troppe verdure tutte insieme altrimenti la temperatura si abbasserà causando l’assorbimento dell’olio da parte delle verdure.

(fonte ricetta: https://www.chefrubio.it/)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lo sapevi che .... anche Bologna aveva un porto?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento