rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Earth Day Italia

L’Emilia Romagna premia le sue aziende green

L'economia sostenibile si può: la regione e Legambiente hanno istituito un riconoscimento per le imprese attente all'ambiente. La Leonardo di Bologna tra i vincitori

Green economy non è un’etichetta à la page indefinitamente astratta. Sviluppo verde ed economia sostenibile non sono ossimori accostati per creare contrasto, ma una realtà che realmente può procedere a braccetto, a partire dal nostro territorio. Il Premio Economia Verde dell’Emilia-Romagna nasce proprio con lo scopo di premiare - e ancora prima dare visibilità - alle realtà imprenditoriali che si sono cimentate in questa scommessa, ottenendo dei buoni risultati nei settori agricolo, industriale o dei servizi.

I vincitori sono stati votati da una giuria tecnica di esperti del settore, che li ha selezionati tra una rosa di 34 aziende dell’intero territorio regionale, dagli Appennini alla costa, e provenienti dai più vari settori produttivi: dal commercio all’agricoltura di qualità e biologica, dall’industria all’artigianato a conduzione familiare, dal turismo sostenibile ai servizi ambientali.

Le 34 aziende precedentemente prescelte sono state sottoposte a una giuria di 5 membri e valutate sulla base di tre criteri: ambientale, sociale ed economico. Dalla combinazione dei risultati sono stati individuati i progetti esemplari, le soluzioni più innovative e le buone pratiche facilmente replicabili.

Tra le ditte premiate c’è l’azienda bolognese Leonardo, che si è aggiudicata il riconoscimento per “etica d’impresa” per l’approccio metodologico ecosostenibile nell’ambito del restauro di Beni Culturali, attraverso cui l’azienda crea soluzioni tecnico-operative e procedure più efficaci in un’ottica di risparmio energetico e di minor impatto ambientale, funzionali però al conseguimento del miglior risultato di restauro dell’opera su cui si interviene.

Tutte le realtà selezionate tra le 34 della rosa - consorzi di aziende agricole, produzioni innovative a partire dai materiali di scarto, industrie del settore della ceramica o della plastica, aziende che investono nelle energie rinnovabili, nel recupero di rifiuti, nella riduzione dei consumi, nella mobilità dolce, nell’alimentazione bio e di qualità - si sono distinte per interessanti meccanismi di sviluppo sostenibile.

In maggioranza microimprese, le 34 aziende si sono cimentate - senza sacrificare il profitto -  in virtuosi processi di riciclo completo dei rifiuti, produzione di prodotti ecosostenibili, uso delle energie rinnovabili, uso di materiale a ridotto impatto ambientale, soluzioni di riduzione dei consumi, politiche a favore del basso consumo energetico, agricoltura biologica, mobilità sostenibile, commercializzazione e trasformazione dei prodotti agricoli locali.

«Le imprese ed i progetti candidati al Premio – ha spiegato il Presidente di Legambiente Emilia-Romagna Lorenzo Frattini presentando il progetto – confermano come le proposte e le pratiche dei movimenti ecologisti, possano trovare applicazione concreta e vincente nell’economia reale. È una testimonianza positiva che dimostra come il cambiamento di vecchi paradigmi sia possibile, ed in molti casi sia già in atto. Il Premio e l’iniziativa di oggi sono utili per individuare alleanze tra il mondo ambientalista e le parti più avanzate del mondo economico, necessarie per raggiungere l’obiettivo di una società improntata sulla sostenibilità ambientale».

Nella rosa delle aziende selezionate, sempre per la provincia di Bologna, figurano:
-    ALCE NERO & MIELIZIA (Monterenzio), azienda impegnata nella commercializzazione e importazione di prodotti da agricoltura biologica
-    CO. IND SC (Castel Maggiore), azienda attiva nella produzione di beni di largo consumo (caffè, cioccolato, cosmetici), con valorizzazione degli scarti
-    CONSORZIO VERDECCELLENZA (Bologna), 22 aziende agrituristiche accomunate dallo stesso criterio di ecostenibilità
-    DISMECO (Marzabotto), ditta impegnata in attività di trasporto, raccolta e recupero di rifiuti pericolosi e non, in particolare RAEE
-    E. C. O. ITALIA SRL (Castel Maggiore), azienda dedita alla vendita di lubrificanti e grassi ecologici a uso industriale
-    HERA SPA (Bologna), azienda fornitrice di servizi energetici, idrici, ambientali
-    HYDROITALIA-COLSEN SRL (Medicina), ditta fornitrice di servizi e tecnologie ambientali per le aziende
-    RENNER ITALIA (Minerbio), azienda impegnata nella produzione di vernici per il legno ad acqua e a ridotto impatto ambientale
-    RIFF98 SOC. COOP (Bologna), ditta dedita alla promozione e allo sviluppo di bioplastiche per uso agricolo: erogatori di feromoni e trappole in materiali biodegradabili per la lotta integrata

-    URBAN BIKE MESSENGERS BOLOGNA (Bologna), servizio di corrieri in bicicletta
-    WAYFEL (Bologna),  ditta impegnata nella commercializzazione di biciclette elettriche a pedalata assistita

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’Emilia Romagna premia le sue aziende green

BolognaToday è in caricamento