Mercoledì, 16 Giugno 2021
Earth Day Italia

A Marzabotto cultura e natura si fondono sul Monte Sole

Regione e Provincia finanziano un percorso museale all'aperto dove la storia si cala nel proprio territorio per una conoscenza reale

Succede a Marzabotto, comune di 6.754 abitanti nella Provincia di Bologna, che fu scenario di uno dei più gravi crimini di guerra perpetrati dalle truppe naziste in Italia, nel 1944 quando 1830 furono le vittime.

In questo sito così tristemente noto, grazie a un contributo della Regione Emilia-Romagna e della Provincia di Bologna, si è dato il via alla realizzazione di un percorso museale all’aperto nel territorio del Parco Storico Regionale di Monte Sole, area in cui fu compiuto il terribile eccidio.

In questo interessante progetto natura, storia e memoria arrivano a fondersi e attraverso un percorso didattico, scientifico e divulgativo, il visitatore è accompagnato a conoscere all’interno del parco, ovvero nel posto in cui sono accaduti, i fatti, con tanto di localizzazione, descrizione delle ragioni, cause, svolgimento, conseguenze e significato.

Chissà che alcuni ospiti non possano persino avvistare un “Marzabotto”, un uccello notturno da cui probabilmente prende anche il nome il piccolo centro in Provincia di Bologna e che popola le foreste del Parco. Considerato da Celti e Germani annunciatore di morte, il volatile è rappresentato su vasi cerimoniali del VII sec. dell’arte piemontese-lombarda e nel Medioevo è considerato come manifestazione diabolica, tutto questo a causa del particolarissimo modo di predare le proprie vittime, rilasciando una specie di LSD naturale che stordisce le malcapitate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Marzabotto cultura e natura si fondono sul Monte Sole

BolognaToday è in caricamento