Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attrezzi alternati, pulizia e prenotazioni: si torna in palestra | VIDEO

Dopo più di due mesi, possono riaprire palestre e piscine: siamo stati in una palestra del centro per capire cosa cambia

 

Anche a Bologna, come nel resto d'Italia, a eccezione di Lombardia e Basilicata, da oggi 25 maggio possono riaprire palestre e piscine. Le regole sono diverse: due metri di distanza mentre ci si allena, prenotazione obbligatoria, sanificazione di pesi e macchinari e molto altro.

Per capire cosa cambia, siamo stati in una palestra del centro, la Flexing di via Lame, dove già da stamattina diversi clienti hanno cominciato ad allenarsi. "Ci si deve prenotare e c'è un limite massimo di ingressi per fasce orarie – ci dice Graziana Cavicchi – abbiamo disposto il regolamento nelle sale e negli spogliatoi per sensibilizzare tutti".

"Riapriamo con entusiasmo, molti clienti hanno voglia di ricominciare dopo mesi di sedentarietà – continua – speriamo di riuscire a starci dentro con i costi perché di solito i mesi estivi sono sempre quelli in cui le entrate sono in calo. Il rimborso? Qualcuno ce lo chiede sì, ma speriamo non siano in troppi: permettiamo a tutti di recuperare quando vogliono, anche in autunno, ma se dovessimo rimborsare tutti gli abbonamenti non riusciremmo a tenere aperto a lungo".

Il protocollo per le palestre

I gestori delle palestre sono tenuti ad informare clienti e personale addetto in merito a quanto prevedono le disposizioni in vigore, anche con cartelli esplicativi e depliant.

L’ingresso dei clienti deve evitare gli assembramenti ed assicurare il distanziamento di almeno un metro tra una persona e l’altra.

Inoltre, specifica il protocollo, l’accesso alle strutture è consentito se protetti da mascherine chirurgiche (o analoghe mascherine consentite) che dovranno essere indossate anche durante la permanenza nelle aree comuni, tranne durante lo svolgimento dell’attività sportiva/motoria.

Questo vale anche per il personale addetto al ricevimento dei clienti, rispettando sempre il distanziamento sociale.

Potrà inoltre essere rilevata all’ingresso la temperatura corporea, tramite termometro digitale senza contatto, e anche sul versante delle norme igieniche, al di là di quelle basilari sulla sanificazione degli attrezzi e degli ambienti e sulla fornitura di dispenser di gel igienizzanti, i frequentatori delle palestre non potranno condividere cibo, bottigliette dell’acqua e vestiario.

Quanto ai servizi igienici e spogliatoi, si raccomanda di organizzare gli spazi per consentire il distanziamento, anche in questo caso di almeno un metro e di non consentire l’uso promiscuo degli armadietti mettendo a disposizione dei sacchetti per riporre gli effetti personali.

Infine, sarà necessario garantire una aerazione adeguata dei locali, naturale e con impianti di ventilazione.

Il protocollo per le piscine

Anche nel caso di questi impianti è necessario predisporre una adeguata cartellonistica, che informi delle norme di sicurezza che occorre rispettare.

È obbligatorio l’uso delle mascherine negli ambienti chiusi tipo reception, spogliatoi, servizi, bar, ecc… e negli ambienti all’aperto dove non è possibile mantenere il distanziamento di un metro (ingressi, percorsi, ecc.).

Deve essere assicurata la pulizia e disinfezione quotidiana dei locali, ambienti, sezioni, postazioni di lavoro.

Deve essere svolta, inoltre, una regolare e frequente pulizia e disinfezione delle aree comuni, spogliatoi, cabine, docce, servizi igienici, attrezzature (sdraio, sedie, lettini, incluse attrezzature galleggianti, natanti, etc.).

Le attrezzature come ad esempio lettini, sedie a sdraio, ombrelloni etc. vanno disinfettati ad ogni cambio di persona o nucleo famigliare. Occorre anche garantire la disponibilità in vari punti di erogatori con soluzione disinfettante per l’igienizzazione delle mani.

Per garantire il corretto distanziamento tra le persone, occorre definire misure di distanziamento minime nelle vasche e aree pertinenti nonché nel solarium e tra le attrezzature disponibili, fermo restando che deve in ogni caso essere assicurato il distanziamento interpersonale di almeno un metro.

Per quanto riguarda gli ombrelloni nelle aree esterne, dovrà essere rispetto del limite minimo di distanza tra ombrelloni della stessa fila e tra file che garantisca una superficie minima ad ombrellone di 12 metri quadrati a paletto.

Per quanto riguarda gli spogliatoi e docce, occorre assicurare le distanze di almeno 1 metro. Tutti gli indumenti e oggetti personali devono essere riposti dentro la borsa personale, anche se depositati negli armadietti; non è consentito l’uso promiscuo degli armadietti.

Per quanto riguarda servizi igienici e docce, occorre prevedere la pulizia più volte durante la giornata e la disinfezione a fine giornata dopo la chiusura. All’interno del servizio dovranno essere disponibili, oltre all’igienizzante per le mani, Kit con accessori per autopulizia quali prodotti detergenti e strumenti usa e getta per la pulizia che ciascun cliente potrà fare in autonomia.

Le aree giochi per bambini vanno delimitate ed individuate, indicando il numero massimo di bambini consentiti all'interno dell'area.

Le piscine dedicate ai giochi acquatici devono essere convertite in vasche per la balneazione.

Leggi anche:

Tra nostalgia e speranze, nuova vita per bar e ristoranti: "È un po' come il primo giorno di scuola" | VIDEO

Bar, ristoranti e pub. Nuova partenza: i gestori spiegano regole e cambiamenti

Negozi riaperti: BolognaToday testa le nuove norme. Ecco la nostra esperienza d'acquisto | VIDEO

Riaperture: come sarà andare al ristorante e al bar? Ecco le linee guida

Fase 2, ecco come riaprono estetisti e parrucchieri | VIDEO

Musei nella fase 2: come visitare una mostra o un museo a Bologna

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento